I-modelli-di-notifiche-push-per-raggiungere-il-tuo-target

I modelli di notifiche push per raggiungere il tuo target

I modelli di notifiche push per raggiungere il tuo target

Sapevi che il marted√¨ √® il giorno migliore per inviare una notifica push? Infatti, questo giorno della settimana riceve il pi√Ļ alto tasso di reazione, pari all’8,4%! E sapevi anche che il tasso di reazione raggiunge un picco (11,4%) alle 11 di sera? (Fonte: Accengage, press release, 2018) Interessante, eh?

Oggi capiamo l’importanza che hanno le notifiche push. Sono uno degli strumenti di marketing pi√Ļ importanti per molti brand, poich√© consentono alle aziende di raggiungere i propri utenti e clienti, i quali sono incoraggiati ad acquistare di pi√Ļ, e interagiscono con gli utenti dormienti, fornendo a tutti loro un’esperienza coinvolgente.

Una volta che hai capito cos’√® una notifica push e hai un’idea approssimativa del momento giusto per la tua push, la preoccupazione principale √® “Cosa devo scrivere in una notifica push?“. Scrivere una notifica push di successo √® fondamentale per non perdere la fiducia dei tuoi clienti. Quindi, l’argomento scottante √® “Come posso attirare l’attenzione dei miei utenti con una push efficace?” Non preoccuparti! E’ un problema comune a molte persone nel marketing. Ecco perch√© ti fornir√≤ alcuni modelli da cui trarre ispirazione per creare fantastiche notifiche push.

Innanzitutto, devi tenere a mente che il tuo obiettivo √® quello di¬†inviare contenuti utili e d’interesse¬†per il tuo target, al fine di aumentarne il coinvolgimento e incrementare i tassi di apertura della tua app. Perci√≤, devi capire i principali contenuti, funzionalit√†, finalit√†, contesti e tempismo delle tue notifiche push.

Modelli di notifiche push

Attività dell'utente

  • Un saluto di benvenuto ai nuovi utenti:¬†Ehi, benvenuto a bordo! Siamo lieti di averti con noi ūüôĆ Ti piacerebbe scoprire cosa possiamo fare insieme?¬†
  • Velocizzazione delle fasi di on-boarding:¬†Ciao! Ci piacerebbe conoscerti meglio. Che ne dici di modificare le tue preferenze nella sezione impostazioni?
  • Recupero del coinvolgimento di utenti inattivi con interessanti notifiche:¬†Ciao! E’ da un po’ che non ci sentiamo… Pensavamo che potrebbe interessarti questo/a [prodotto, offerta ecc.]

Fidelizzazione

Se possiedi un programma fedeltà, puoi usare questi modelli:

  • Nuovo status di fidelizzazione raggiunto:¬†Congratulazioni! ūü•≥ Hai sbloccato la nostra Platinum Membership! Usa i tuoi punti per fare shopping ora
  • Guadagno/utilizzo di punti fedelt√†:¬†Acquista fino a venerd√¨ e ottieni il doppio dei punti su ogni ordine
  • Aumenta l’intrattenimento con la gamification e assicurati che ogni utente possa tenere sotto controllo i propri punteggi:¬†Guadagna il titolo di Shopper #1 e ottieni un [prodotto, t-shirt, ecc.] omaggio
  • Punti o ricompense che stanno per scadere:

(Valore medio dell’acquisto) x (frequenza media d’acquisto) x (vita media del cliente)

Acquisto

Se possiedi un’app di shopping , crea e invia notifiche push come queste:

  • Aggiornamenti sullo stato dell’ordine:¬†Il tuo ordine √® [stato confermato, pronto, stato spedito]
  • Invio di ricevute digitali:¬†Scarica la tua ricevuta ora! ūüßĺ
  • Carrello abbandonato:¬†¬†Dove stai andando? Ci sei quasi! ūüõí Fai il check-out adesso e ottieni il 10% di sconto sul tuo ordine con il codice CART10. ūüõí¬†Ordina ora!
  • Potresti aver bisogno di scusarti. Ed √® fondamentale affrontare un problema regalando un’esperienza positiva:¬†Siamo spiacenti [abbiamo finito il prodotto, il tuo volo √® stato cancellato, l’app ha smesso di funzionare, ecc.] Ecco per te [un’offerta, un campione omaggio, ecc.]
  • Invia una push ogni volta che un articolo torna disponibile: [Il prodotto] che stavi cercando √® stato riassortito! ūüėé Prendilo subito
  • Spingi gli utenti a tornare per avere sempre di pi√Ļ. Questo d√† loro un senso di realizzazione e risveglia il loro fiuto per gli affari:¬†Acquista ora, e ottieni il 30% di sconto sul tuo prossimo ordine
  • Ricordati di ringraziare sempre i tuoi utenti e confortarli con nuove offerte:¬†¬†Grazie per il/la tuo/a [acquisto, condivisione, recensione] – tieni, un 10% di sconto sul prossimo ordine solo per te!¬†Oppure¬†Invita i tuoi amici e ottieni un coupon¬†ecc.

Opinione degli utenti

  • E’ importante chiedere delle recensioni per la tua app:¬†Ehi! Vorresti valutare la tua esperienza con noi? ūü§©
  • La maggior parte delle notifiche push include dei pulsanti interattivi:¬†Vuoi [valutare l’app, condividere con un amico] ora? [S√¨/Forse dopo/No]
  • Invia una push ai clienti che ti hanno lasciato una recensione positiva e convincili ad invitare alcuni amici:¬†La prossima volta che torni a farci visita, porta un amico e otterrai [uno sconto, un prodotto omaggio, ecc.]
  • Se organizzi un evento, chiedi l’opinione degli utenti:¬†Cosa ti piacerebbe vedere al nostro prossimo evento? ūü§Ē Faccelo sapere!

Contest

Sono delle modalità eccezionali per coinvolgere gli utenti della tua app mobile:

  • Crea una notifica che attiri l’attenzione:¬†Entra e vinci! ūüéüūüéüūüéü
  • Conferma registrazione:¬†Grazie per esserti registrato – buona fortuna! ūüćÄ
  • Condividere la competizione con gli amici:¬†Vuoi condividerlo con un amico?
  • Reminder per partecipare:¬†Hai gi√† partecipato? Hai ancora [1 giorno] per farlo!
  • Ricompense per i partecipanti:¬†Tutti sono vincitori – ecco [uno sconto] da parte nostra. Grazie per aver partecipato!

Eventi dal vivo

Con le notifiche push, puoi promuovere sui social media (Instagram, Facebook, YouTube ecc.) gli eventi dal vivo a cui il tuo pubblico sembra essere interessato:

    • Siamo in diretta tra 10 minuti – non mancare!
    • Siamo in diretta ora: Unisciti [CTA, link]!

Notifiche basate sulla localizzazione geografica

Questo tipo di notifica ti aiuta a raggiungere uno specifico target in base a dove si trovi l’utente:

  • Quando l’utente si trova nelle vicinanze del tuo negozio fisico, usa i Beacons e invia una notifica:¬†Dato che sei nelle vicinanze, non dimenticare il tuo/i tuoi [sconto, punti fedelt√†, ecc.]
  • Se un utente √® in procinto di ritirare un articolo presso il tuo punto vendita:¬†Sei qui per ritirare il tuo [articolo]? Dirigiti subito verso [location]: ti stiamo aspettando!¬†¬†
  • Quando un utente entra nel tuo negozio, invia una specifica notifica contestualizzata per indirizzarlo e fornire informazioni sui prodotti o intrattenerlo:¬†Stai cercando [scarpe, abbigliamento da bambino, valigie]? Ecco il nostro coupon!
  • Invia ai clienti una push se il prodotto che hanno ordinato √® arrivato:

Buoni sconto e promozioni

  • Crea un senso di urgenza. Per esempio, con un reminder dell’utlimo minuto:¬†Hai tempo solo 2 ore per ricevere il 30% di sconto e la spedizione gratuita! Fai in fretta, disponibilit√† limitata! ūüŹÉūüŹÉ‚Äć‚ôÄÔłŹūüŹÉ‚Äć‚ôāÔłŹ
  • Ricordati di utilizzare i dati raccolti per personalizzare le tue notifiche push. Significa che ogni notifica push dovrebbe far sentire l’utente come se fosse stata scritta appositamente per ognuno di loro:¬†[SCarpe, Make-up, ecc.] che non puoi perderti! Ottieni il 30% di sconto. Dai un’occhiata
  • Le offerte esclusive sono il modo migliore per mostrare ai tuoi clienti che tieni a loro. Crea un codice sconto con i loro nomi per esempio¬†Mario¬†potrebbe ricevere un codice sconto¬†Mario20 per un 20% di sconto sul suo primo acquisto. Li farai impazzire! ūü§Į

Converti gli utenti che guardano senza comprare

Puoi utilizzare le notifiche push per chiedere agli utenti osservatori di registrarsi, in modo da ottenere un maggior numero di conversioni:

Presenta dei nuovi prodotti coerenti con gli interessi dei tuoi utenti

Gli acquirenti amano sapere quando sono disponibili prodotti correlati al loro ultimo acquisto. Potrebbe essere la maglietta che stanno aspettando o il nuovo libro del loro scrittore preferito. Quello che devi fare √® segmentare gli utenti in base al loro comportamento e interessi e inviare notifiche push mirate a questi segmenti. Puoi anche aggiungere uno sconto con una data di scadenza per suscitare un senso di urgenza:¬†vuoi sapere cosa c’√® di nuovo? Dai un’occhiata alle nostre ultime [funzionalit√†, prodotto, offerta, ecc.] ūü§≥

Ricapitoliamo

Usa le notifiche push con saggezza: trova il giorno, il timing e il contenuto perfetti. Devi aiutare i tuoi utenti e in qualche modo e incuriosirli a fare clic per aprire la notifica.

Ultimo ma non meno importante: anche se esiste una correlazione molto forte tra la frequenza delle notifiche e i migliori tassi di¬†retention¬†delle app mobili,¬†evita di inviare spam agli utenti! In caso contrario, un gruppo di utenti finir√† per annullare l’iscrizione e perderesti i vantaggi di questo potente strumento.

SHARE

10-Migliori-Pratiche-di-Messaggi-In-App-per-un-Marketing-Mobile-di-Successo

10 Migliori Pratiche di Messaggi In-App per un Marketing Mobile di Successo

10 Migliori Pratiche di Messaggi In-App per un Marketing Mobile di Successo

Quello di cui hai bisogno √® una strategia di marketing mobile omnicanale ūüĒģūüöÄ

Messaggi in-app: overview

I messaggi in-app sono uno strumento di comunicazione estremamente utile e potente. In effetti, possono essere sfruttati per coinvolgere gli utenti della tua app con contenuti personalizzati in base ai loro interessi, azioni e comportamenti. I messaggi in-app vengono visualizzati come pop-up, o a schermo intero se gli utenti sono attivi nella tua app. In questo modo, consentono ai marketer di raggiungere gran parte della loro utenza, anche coloro che non hanno scelto di ricevere notifiche push. Vedi? Sono davvero potenti!

So cosa potresti pensare. S√¨, sto parlando con te, vecchia volpe! “Dovrei concentrarmi solo sui messaggi in-app?”¬†NO! Quello di cui hai bisogno √® adottare e implementare¬†una strategia di marketing mobile omnicanale. Da un lato, √® vero che i messaggi in-app hanno una percentuale di clic (CTR) maggiore rispetto alle notifiche push. D’altra parte, probabilmente non sai che i¬†messaggi in-app¬†abbinati a¬†notifiche push¬†ed¬†e-mail¬†sono la corrispondenza perfetta, contribuendo ad¬†aumentare ulteriormente la percentuale di clic complessiva. E questo √® FANTASTICO!

I passi da seguire per creare una strategia di marketing mobile omnicanale

Quindi cosa stai aspettando?! Inizia ORA a ideare la tua strategia di marketing mobile combinando tutti questi canali di comunicazione. Questi ti consentiranno di fornire agli utenti un’esperienza utente coinvolgente e senza interruzioni.¬†Prima di tutto, devi bere tonnellate di caff√®, lavorare giorno e notte, e… sto scherzando! Descriver√≤ brevemente i passaggi che devi seguire.

  1. Innanzitutto, concentrati sull’ideazione di¬†messaggi in-app dai contenuti interessanti e utili per i tuoi utenti. Questo strumento di comunicazione √® perfetto per creare valore per gli utenti che stanno svolgendo determinate azioni all’interno della tua app.
  2. Dopodiché, avrai bisogno anche di creare e inviare sorprendenti notifiche push ed e-mail agli utenti. Questi ultimi due strumenti di comunicazione dovrebbero essere in grado di convincere gli utenti ad aprire la tua app ed eseguire la specifica azione che tu hai suggerito loro.

Un po ‘confuso? Non preoccuparti. Siamo qui per aiutarti a migliorare il tuo marketing mobile! Puoi trovare le¬†migliori pratiche per le notifiche push qui e anche alcuni modelli¬†davvero carini da cui trarre ispirazione qui.

Ricorda che una campagna di messaggistica completa √® il segreto del successo della tua app (e della tua azienda), perch√© ti d√† la possibilit√† di aumentare il coinvolgimento e la fidelizzazione degli utenti e ridurre il tasso di abbandono dell’app. √ą fondamentale integrare i messaggi in-app con gli altri due canali di comunicazione tenendo conto dei loro diversi scopi, funzionalit√† e contenuti al fine di inviarli all’utente giusto, al momento giusto, per l’obiettivo giusto. Altrimenti, avrai fatto tutto per niente!

Messaggi in-app + Notifiche push + E-mail = Strategia Vincente ūüéČūüŹÜ

Messaggi in-app e Notifiche push

Vediamo ora alcune delle principali differenze tra i messaggi in-app e le notifiche push, in modo da poter capire come utilizzarli al meglio. Prima di tutto, devi concentrarti su una chiara distinzione:¬†canali di comunicazione interni¬†rispetto a quelli¬†esterni. Le notifiche push appartengono alla seconda categoria, perch√© vengono visualizzate nella schermata principale dei dispositivi e gli utenti devono anche accettare di riceverle. Al contrario, i messaggi in-app vengono visualizzati quando gli utenti intraprendono azioni specifiche all’interno di un’app, quando questa √® aperta e non √® necessaria l’autorizzazione degli utenti per essere inviate. Per quanto riguarda il ruolo di questi strumenti di comunicazione, vengono sfruttate¬†le notifiche push¬†per¬†spronare gli utenti ad aprire l’app¬†ed¬†eseguire azioni specifiche. Mentre¬†i messaggi in-app¬†hanno il compito di¬†fornire¬†molto¬†valore agli utenti, contribuendo a¬†offrire un’esperienza utente migliorata. Entrambi i canali di comunicazione possono essere personalizzati in base alla fase del ciclo di vita degli utenti, agli interessi e alle azioni e associati a diversi tipi di contenuti multimediali per attrarre e coinvolgere ulteriormente gli utenti.

E-mail

Ti stai chiedendo perch√© non abbia detto nulla sulle e-mail? Non mi sono dimenticato di loro! Per prima cosa, tieni presente che non dovresti mai utilizzare la posta elettronica da sola, ma piuttosto adottare una strategia di marketing mobile omnicanale combinando e-mail, messaggi in-app e notifiche push. In questo modo, avrai maggiori possibilit√† di raggiungere, intrattenere, coinvolgere e fidelizzare i tuoi utenti e, infine, convertirli in clienti fedeli. Tornando alle¬†e-mail, sono ancora un¬†canale di comunicazione efficace, ma non puoi fare affidamento esclusivamente su di loro. In effetti, √® troppo facile per gli utenti ignorarli dato che ne riceviamo tonnellate ogni giorno! Inoltre, tieni presente che¬†l’obiettivo delle e-mail di marketing √® spingere gli utenti ad aprire la tua app¬†fornendo loro contenuti interessanti, quindi¬†coinvolgendoli nuovamente.

Messaggi in-app + Notifiche push + E-mail = strategia vincente

Come gestire campagne di marketing mobile di successo ūüéÜūüďĪ

Ora, spero che tu abbia un’idea migliore dei molteplici modi in cui puoi sfruttare tutti questi potenti strumenti di comunicazione. Quindi, torniamo all’argomento principale di questo articolo: le migliori pratiche per i messaggi in-app. Questi strumenti dovrebbero:

  • essere personalizzati
  • includere contenuti interessanti
  • andare incontro ai bisogni degli utenti

Pensi sia tutto? Assolutamente NO! Leggi le migliori pratiche di messaggi in-app che seguono per ottimizzare la tua strategia di marketing mobile e incrementare il CTR (Click-Through-Rate) dei tuoi messaggi in-app.

1.

Concentrati sul ciclo di vita dell'utente: segmenta la tua audience e personalizza i tuoi messaggi in-appūüĎ• ūüíĆ

Il¬†ciclo di vita¬†(o¬†journey)¬†degli utenti¬†e, in particolare, la fase in cui si trovano sono alcune delle¬†cose pi√Ļ importanti da tenere a mente. Infatti, se capisci¬†in quale fase si trovano gli utenti¬†nel loro viaggio, puoi¬†segmentare la tua base di utenti, dato che gli utenti hanno esigenze e comportamenti diversi in base alla fase in cui si trovano. Dopo aver segmentato gli utenti e creato gruppi target che condividono caratteristiche comuni,¬†ideare campagne di messaggistica personalizzate. I messaggi generici sono inutili! Ricordati di scrivere messaggi in-app personalizzati che tengano conto degli interessi, comportamenti, esigenze e azioni degli utenti all’interno della tua app. Ad esempio, puoi inviare messaggi in-app che delineano le funzioni di base e il potenziale della tua app ai nuovi utenti. Puoi premiare i tuoi clienti fedeli con un’offerta speciale. Queste sono tutte tattiche semplici per fornire un’esperienza utente migliorata, che pu√≤ portare a un aumento dei tassi di coinvolgimento e fidelizzazione!

2.

Invia agli utenti messaggi in-app automatizzati

Una volta segmentata la tua base di utenti, puoi adottare anche una strategia di marketing mobile automatizzata. E’¬†davvero pratico! Infatti, puoi impostare che¬†i messaggi in-app vengano inviati automaticamente a specifici gruppi target basati su particolari azioni, comportamenti e interessi condivisi. Inoltre, i messaggi in-app automatizzati permettono ai marketers di:

  • programmare che i messaggi vengano mostrati a un gruppo di utenti specifico in un momento specifico
  • scegliere di inviare messaggi che si basino sulle specifiche azioni completate dagli utenti all’interno dell’app
  • provare e coinvolgere gli utenti inattivi, in base al numero di ore/giorni durante i quali non hanno utilizzato l’app

3.

Festeggiare i traguardi del cliente ūü•≥

Ricordi la vecchia storia del ciclo di vita dell’utente e della personalizzazione? Bene, torna utile anche qui!¬†Quando gli utenti eseguono un’azione specifica o raggiungono determinati obiettivi¬†all’interno della tua app, cogli l’opportunit√† e¬†invia loro un messaggio in-app personalizzato¬†per congratularti con loro. Saranno molto felici! Se aggiungessi una¬†ricompensa, come un codice sconto o un’offerta speciale, sarebbe altrettanto fantastico! Il tuo messaggio personalizzato otterr√† una percentuale di clic maggiore, essendo pi√Ļ attraente e interessante per gli utenti. E, a sua volta, sar√† rafforzato il tuo rapporto con loro.

4.

Trova il giusto momento per i tuoi messaggi in-app ‚ŹĪ ūüď≤

Qual √® il momento migliore per inviare messaggi in-app? Questo √® un altro problema cruciale, che purtroppo varia a seconda dei canali di comunicazione.¬†I messaggi in-app¬†dovrebbero essere¬†visualizzati quando gli utenti avviano un’app o subito dopo aver intrapreso un’azione specifica, come scaricare un’app, completare il proprio profilo, vincere una sfida di gioco, acquistare un oggetto, ecc. Trovare il momento giusto per far apparire i tuoi messaggi in-app sullo schermo degli utenti √® fondamentali perch√© di certo non vuoi infastidirli o fornire loro una cattiva esperienza utente!

5.

Scrivi dei titoli accattivanti per i tuoi messaggi in-app ūü§©

Dei titoli attraenti daranno ai tuoi messaggi in-app maggiori possibilit√† di essere letti dagli utenti piuttosto che ignorati! Se i titoli sono in grado di catturare l’attenzione degli utenti e spronarli a dare un’occhiata al tuo messaggio, √® pi√Ļ probabile che raggiungerai i tuoi obiettivi attraverso questo strumento di comunicazione.

6.

Un testo breve è meglio

Ricorda questa semplice regola, per favore. Prova a scrivere un messaggio in-app che includa poche parole – solo l’essenziale per trasmettere il messaggio – rendilo¬†chiaro e intrigante¬†per gli utenti. I messaggi in-app hanno uno¬†spazio limitato¬†ed √® meglio se contengono anche un’immagine. Ecco perch√© dovresti scrivere un testo ridotto.

7.

Crea dei messaggi in-app con una chiara CTA ūüéĀūü§Ď

CTA sta per call-to-action. √ą fondamentalmente una¬†breve frase che invita gli utenti a intraprendere un’azione specifica¬†e suggerisce loro come farlo. Inutile dire che una CTA deve essere messa in risalto. Pertanto, dovresti scrivere un breve testo e creare un pulsante dai colori vivaci per la tua CTA, in modo che¬†attiri l’attenzione degli utenti. Sono uno strumento davvero potente, in grado di¬†aumentare notevolmente la percentuale di click (CTR) dei messaggi. Aggiungendo un chiaro invito all’azione ai tuoi messaggi in-app, avrai maggiori possibilit√† che gli utenti eseguano l’azione che suggerisci loro.

8.

Sii creativo ūüé®

Aggiungi immagini, GIF, video o suoni ai tuoi messaggi in-app per renderli pi√Ļ accattivanti, divertenti e coinvolgenti per i tuoi utenti. In effetti, i¬†messaggi¬†abbinati a¬†contenuti multimediali¬†hanno un tasso di coinvolgimento pi√Ļ elevato rispetto ai messaggi di testo normale.

9.

Raccogli le opinioni degli utenti in un messaggio in-app ūüôā ūü§Ē

Il feedback degli utenti gioca un ruolo particolarmente importante nel successo della tua app. Ad esempio, potresti chiedere agli utenti di valutare e recensire la tua app e persino di compilare un sondaggio sulle prestazioni, le funzionalità e così via della tua app. Puoi farlo tramite un messaggio in-app. Tutte le informazioni che raccogli in questo modo sono preziose perché possono essere sfruttate per migliorare la tua app. Chiedere agli utenti di darti un feedback sulla tua app è estremamente utile nella tua strategia di marketing!

10.

Testa i tuoi messaggi ūüďä

Una delle migliori pratiche per i messaggi in-app da tenere a mente è testare i tuoi messaggi. Dovresti eseguire dei test A/B sugli elementi del messaggio cambiandoli uno alla volta, come testo, immagine, CTA o posizione del messaggio in-app. In questo modo capirai qual è la migliore combinazione per il tuo messaggio in-app. Allora, potrai inviarlo a tutti i tuoi utenti.

Ricapitoliamo

Prometto per l’ultima volta di farlo!

Hai bisogno di implementare una campagna di marketing mobile omnicanale, combinando messaggi in-app, notifiche push e email per raggiungere migliori risultati.

I messaggi in-app sono fantastici ed efficaci, di sicuro. Tuttavia, sono limitati in un certo senso perch√© possono raggiungere solo gli utenti attivi nella tua app. √ą proprio per questo che dovresti ottimizzare la tua strategia di mobile marketing utilizzando anche gli altri canali di comunicazione. Infatti, sfruttando i messaggi in-app, le notifiche push e le e-mail, raggiungerai rapidamente e facilmente molti pi√Ļ utenti attraverso diversi canali, con maggiori possibilit√† di successo.

SHARE

6-strategie-vincenti-di-location-based-marketing-

6 strategie vincenti di location-based marketing

6 strategie vincenti di location-based marketing

Cos'√® il location-based marketing? ūüďĆūüõć

Geolocalizzazione

Prima di esplorare il magico mondo del location-based marketing, ovvero il¬†marketing basato sulla posizione, e illustrarvi alcune delle sue strategie e vantaggi vincenti, vorrei parlare un po ‘di geolocalizzazione. Prima di tutto, √® utile capire cos’√® la geolocalizzazione e come pu√≤ essere sfruttata perch√© √® al centro del marketing basato sulla posizione. Fondamentalmente, la¬†geolocalizzazione¬†√® una tecnologia digitale che¬†traccia la posizione dei dispositivi, raccogliendo dati sulla posizione attraverso vari strumenti come indirizzo IP, GPS e Bluetooth. Immagino tu sappia gi√† che la geolocalizzazione √® alla base delle app di navigazione, ma viene utilizzata anche per altri scopi come le¬†campagne di marketing, dove sta guadagnando molta popolarit√†.

Location-based marketing: una panoramica generale

Eccoci con il marketing basato sulla posizione! Chiamato anche marketing di geolocalizzazione, si riferisce a quelle strategie di marketing basate sul tracciamento della posizione dei dispositivi e sulla raccolta dei dati sulla posizione degli utenti allo scopo di raggiungerli con messaggi personalizzati. Sfruttare la geolocalizzazione offre agli operatori di marketing la possibilità di segmentare la propria base di utenti e indirizzarla con notifiche push e messaggi in-app coinvolgenti, portando a una migliore esperienza utente, nonché a maggiori tassi di fidelizzazione e conversione.

Sfruttare la posizione degli utenti è la chiave per il successo del tuo business

Spero che non ti stia ancora chiedendo perché la posizione degli utenti è così importante! La farò breve. Scoprendo dove si trovano gli utenti in un momento specifico della giornata e cosa stanno facendo, le aziende possono provare a coinvolgerli con offerte speciali, codici sconto, buoni regalo e simili per invitarli a entrare nei loro negozi, a partecipare eventi fantastici, pagare i loro servizi, acquistare i loro prodotti e così via. Le notifiche push sono un canale di comunicazione davvero efficace per questi scopi. Qui troverai molti esempi per molte situazioni diverse!

Poich√© oggi le persone si spostano con il proprio cellulare sempre a portata di mano, dovresti sfruttare la loro posizione in costante mutamento e combinarla con gli interessi degli utenti, i comportamenti passati e le esigenze per creare messaggi personalizzati che catturino l’attenzione degli utenti, incontrino i loro bisogni e risolvono i loro problemi.

Vuoi sapere un segreto?¬†Il marketing basato sulla posizione √® in grado di raggiungere gli utenti al momento giusto e con la giusta offerta.¬†Che cosa state aspettando? Continua a leggere se vuoi saperne di pi√Ļ sulle strategie di marketing specifiche che puoi implementare per aumentare le vendite!

6 strategie di marketing basate sulla posizione di successo ūüéČūüíį

Sei pronto a scoprire tutto il potenziale del marketing basato sulla posizione? √ą cos√¨ potente perch√© i marketer possono inviare messaggi in base alla posizione dei dispositivi degli utenti, adottando diverse strategie. Ora, esploreremo insieme 6 efficaci strategie di marketing basato sulla posizione, attraverso le quali puoi indirizzare gli utenti con contenuti personalizzati.

1.

Geo-targeting

Operare un geo-targeting (o¬†targeting geografico) significa raggiungere utenti e potenziali clienti con messaggi personalizzati dopo aver creato segmenti di utenza basati sui dati relativi alla loro posizione. Il¬†geo-targeting¬†√® utile perch√©¬†consente ai marketer¬†di segmentare gli utenti in base non solo alla posizione dei loro dispositivi, ma anche agli interessi particolari degli utenti, al comportamento passato, alle esigenze e ai dati demografici. In questo modo,¬†sceglierai come target segmenti di utenti specifici, corrispondenti alle funzioni specifiche che hai selezionato, in modo che i tuoi messaggi abbiano maggiori probabilit√† di attirare l’attenzione degli utenti e di coinvolgerli.

Il¬†geo-targeting¬†√® una tecnologia che raccoglie i dati sulla posizione tramite indirizzi IP. Poich√© questo strumento non √® cos√¨ preciso, non √® adatto per raggiungere aree o quartieri specifici della citt√†. In effetti, il geo-targeting raggiunge risultati migliori quando viene¬†sfruttato per indirizzare aree pi√Ļ grandi come citt√† o paesi.

Geo-targeting: un esempio

Sapevi che uno dei social media pi√Ļ popolari tiene traccia della posizione degli utenti per inviare loro annunci? In effetti, Facebook ha sfruttato il targeting geografico per inviare agli utenti annunci personalizzati, promuovendo aziende, ristoranti, negozi o qualsiasi altro tipo di attivit√† situata nella citt√† o nel paese degli utenti.

2.

Geo-fencing ūüóļūüďĆ

Potremmo considerare il geo-fencing come la versione pi√Ļ moderna, ovvero una sorta di evoluzione, del geo-targeting. Anche se le persone potrebbero confondere queste parole, fanno riferimento a due diverse tecnologie con caratteristiche distinte che possono essere sfruttate per scopi diversi. Infatti, il geo-fencing identifica la posizione degli utenti attraverso il GPS dei loro dispositivi ed √® pi√Ļ preciso rispetto al geo-targeting, che utilizza indirizzi IP.

Il geo-fencing viene utilizzato¬†per¬†segmentare e colpire tutti quegli utenti che si trovano all’interno di¬†un dato geo-fence (uno spazio virtuale definito), che pu√≤ essere un’area¬†piuttosto¬†piccola¬†come un quartiere o anche una strada specifica. Inoltre, questa tecnologia consente ai marketer di¬†monitorare la posizione degli utenti mentre si spostano per la citt√†, dando la possibilit√† di inviare messaggi personalizzati ai potenziali clienti, invitandoli a entrare in un negozio, un ristorante e simili. Il geo-fencing √® usato raramente per raggiungere gli utenti all’interno di un’intera citt√† perch√© sarebbe meno efficace.

Geo-fencing: un esempio

Vuoi sapere come potresti usare il geo-fencing nella pratica? Puoi inviare notifiche push che includono offerte speciali, sconti oppure omaggi per invogliare le persone a entrare nel tuo negozio. Potresti persino utilizzare la tecnologia di geo-fencing per promuovere eventi che saranno ospitati vicino ad alcuni utenti.

Ti consiglio di scegliere come target gli utenti che passano vicino al tuo negozio (o qualunque sia la tua attività) o che si trovano in un raggio di 30 km intorno ad esso. Ad esempio, Sephora ha sfruttato il geo-fencing per raggiungere gli utenti tramite notifiche push, spingendoli a entrare nel suo negozio quando passano. In questo modo, Sephora ha migliorato il coinvolgimento degli utenti con la sua app e aumentato la probabilità che le persone acquistino i suoi prodotti.

Non sai da dove iniziare? Leggi questo articolo per sfruttare il potere delle notifiche push!

3.

Geo-conquesting ūüėąūü§Ď

A differenza del geo-fencing che prende di mira gli utenti quando sono vicini al tuo negozio, il geo-conquesting si rivolge agli utenti che si trovano vicino ai negozi della concorrenza. Fondamentalmente puoi creare geo-recinti attorno alla posizione dei tuoi concorrenti, in modo che gli utenti ricevano le tue notifiche push con sconti speciali quando passano dai tuoi concorrenti. In questo modo, agli utenti verrà chiesto di cambiare idea e di entrare nel tuo negozio. Interessante, eh?

Geo-conquesting: un esempio

Dunkin’ Donuts ha adottato questa pratica di marketing “sleale” per sottrarre clienti a Starbucks tramite sconti. Hanno deciso di raggiungere quegli utenti a cui piaceva Dunkin ‘Donuts, ma acquistavano i prodotti di Starbucks perch√© passavano vicino ai suoi negozi durante il loro pendolarismo. Offrire ai clienti un piccolo codice sconto √® stata una strategia efficace per incoraggiarli a scegliere invece Dunkin ‘Donuts.

4.

Beacons

I beacon sono¬†piccoli¬†dispositivi tecnologici che raccolgono dati sulla posizione tramite Bluetooth. Poich√© possono essere installati all’interno dei negozi, aiutano i proprietari a¬†fornire ai clienti un’esperienza utente migliorata inviando loro messaggi personalizzati in base alla loro posizione¬†specifica¬†nel negozio.

I beacon sono particolarmente adatti per l’uso all’interno di negozi, dove il segnale del telefono √® scarso, perch√© funzionano con la connessione Bluetooth. Tuttavia, basandosi proprio sulla connessione Bluetooth, possono inviare messaggi solo agli utenti che hanno il Bluetooth attivato. E questo √® un grande svantaggio per i proprietari dei negozi perch√© non tutti saranno coinvolti con messaggi personalizzati, come un’offerta speciale, uno sconto, una carta regalo, ecc.

In poche parole, se gli utenti hanno il Bluetooth disattivato, avrai meno opportunit√† di invogliarli ad acquistare da te. Un altro inconveniente √® che l’installazione di beacon fuori dal tuo negozio, ad esempio in un’area pubblica, pu√≤ causare problemi perch√© non solo devi trovare il posto giusto, ma hanno anche bisogno di manutenzione e di essere costantemente controllati per assicurarti che funzionino bene.

Beacons: un esempio

Macy’s √® riuscita ad adottare una strategia di location-based marketing di grande successo sfruttando i beacon. La catena di grandi magazzini, infatti, ha installato i beacon in tutti i suoi punti vendita negli Stati Uniti, fornendo una migliore esperienza di acquisto promuovendo sconti e offerte speciali ai clienti in base ai loro movimenti all’interno dei negozi. Inoltre, Macy’s √® stata anche in grado di superare il problema della disattivazione della connessione Bluetooth chiedendo alle persone di accenderla mentre entravano nel negozio e di scaricare l’app per usufruire di promozioni e offerte speciali. Macy’s ha anche registrato un video tutorial per mostrare ai clienti come funziona la tecnologia dei beacon. Attraverso questa strategia, la catena di negozi ha stimolato il coinvolgimento dei clienti e i propri tassi di vendita.

E se invece inviassi agli utenti un messaggio in-app personalizzato mentre camminano per il tuo negozio? Immagino che questo articolo¬†possa aiutarti a saperne di pi√Ļ!

5.

Geolocalizzazione per il marketing basato sul meteo ūüŹĖ ūüŹĒ

Il meteo rappresenta un fattore chiave nel marketing e anche nel¬†marketing basato sulla posizione, che¬†pu√≤ sfruttare le condizioni meteorologiche e i cambi di stagione per promuovere i prodotti pi√Ļ adatti ai potenziali clienti. Poich√© il clima e l’ambiente in cui viviamo influenzano i nostri bisogni e desideri, le aziende hanno imparato a sfruttare questi fattori per inviare agli utenti messaggi personalizzati. Ad esempio, quando arriva l’inverno, probabilmente vedrai e/o riceverai annunci e promozioni di vestiti pesanti, offerte speciali per un fine settimana in montagna, sconti sulla cioccolata calda e simili. Scommetto che non ricevi questo tipo di messaggi promozionali in estate! Altrimenti, si tratterebbe di una pessima strategia di marketing.

Geolocalizzazione per il marketing basato sul meteo: un esempio

Nel 2013, Pantene ha utilizzato la geolocalizzazione per il marketing basato sulle condizioni meteorologiche per contrastare il problema della diminuzione delle vendite e della riduzione della quota di mercato. Hanno costruito una partnership con un canale di previsioni del tempo e hanno condotto una campagna pubblicitaria con l’obiettivo di migliorare la qualit√† dei capelli in relazione alle condizioni meteorologiche. Pantene ha creato, ad esempio, annunci ad-hoc insieme a offerte speciali da visualizzare su siti web che prevedevano un clima caldo o umido. Hanno anche indicato ai clienti il negozio pi√Ļ vicino a loro in base alla loro posizione.

6.

Geolocalizzazione per il comportamento dei consumatori futuro ūü϶ūüĎß

Il location-based marketing è estremamente utile perché persegue un duplice obiettivo:

  • pu√≤ essere sfruttata la posizione attuale delle persone per inviare loro dei messaggi personalizzati, sulla base della loro localizzazione e dei loro interessi
  • tenendo traccia dei dati sulla localizzazione delle persone nel tempo, sul loro comportamento e sulle loro attivit√†, i marketers possono raggiungere gli utenti in modo pi√Ļ efficiente con i messaggi personalizzati. In questo modo, le compagnie sono anche in grado di prevedere le azioni future degli utenti e inviare loro i messaggi giusti al momento giusto.

In realt√†, √® possibile integrare questo duplice obiettivo in un’unica strategia globale, che √® il risultato della combinazione della posizione degli utenti con i dati sui loro mutevoli comportamenti, bisogni e desideri che vengono acquisiti nel tempo. Le aziende devono tenere conto di tutti questi fattori per segmentare il proprio pubblico e indirizzarlo con messaggi e promozioni adeguati.

 

Location-based marketing = una strategia rivoluzionaria

Oggi stiamo rafforzando sempre pi√Ļ il legame con i nostri dispositivi mobili, che ci aiutano a svolgere tante attivit√† diverse. Li portiamo sempre con noi ovunque e in qualsiasi momento. Questo √® anche il motivo per cui le aziende hanno sfruttato questo ruolo cruciale nelle loro strategie di marketing. Infatti, i telefoni cellulari consentono ai marketer di inviare notifiche push, messaggi in-app ed e-mail agli utenti e anche di visualizzare annunci su pagine web e app per coinvolgere ulteriormente gli utenti e convertirli in clienti.¬†Il marketing basato sulla posizione offre alle aziende la possibilit√† di semplificare la propria strategia, indirizzare le persone con messaggi ancora pi√Ļ personalizzati¬†e offrire un’esperienza utente migliorata.

Il segreto √® raggiungere le persone quando sono in movimento, inviando loro messaggi mirati in base anche alla loro specifica posizione, e cercando di attirarli con contenuti interessanti e offerte speciali. Tuttavia, fai attenzione ed evita di infastidire gli utenti con messaggi inutili e generici che trascurano il loro comportamento, gli interessi e la posizione degli utenti nello specifico. Dovresti creare messaggi di valore e pertinenti e trovare il giusto equilibrio per non infastidire gli utenti. Il tuo obiettivo √® esattamente l’opposto! Ricorda di concentrarti sul fornire alle persone un’esperienza

Il ruolo della segmentazione degli utenti nel location-based marketing

La segmentazione degli utenti¬†√® un’altra cosa¬†importante da tenere a mente. Infatti, il tuo marketing basato sulla posizione avr√† maggiori probabilit√† di avere successo se combinato con la segmentazione degli utenti e con dati precisi sulla fase del ciclo di vita, sul comportamento e sugli interessi degli utenti. Leggi questo articolo¬†se vuoi saperne di pi√Ļ sul ciclo di vita dell’utente! Prendiamo il caso di un grande magazzino che ha una gamma di prodotti davvero ampia tra cui, ad esempio, abbigliamento, trucco, accessori, casalinghi e attrezzi da giardinaggio. L’app di questa catena di negozi potrebbe inviare notifiche push agli utenti in base alla loro posizione per spronarli ad entrare nel negozio. I messaggi devono essere personalizzati in base alle esigenze, agli interessi e ai comportamenti di acquisto passati di ogni utente. Le notifiche push possono essere ancora pi√Ļ potenti se includono link diretti che portano i clienti a punti di conversione come il loro carrello degli acquisti o una pagina di prodotto.

Giunti alla fine, voglio darti un altro consiglio:¬†sprona gli utenti ad attivare il tracciamento dei dati relativi alla loro posizione cos√¨ da ottenere delle informazioni pi√Ļ precise sulla loro localizzazione, che √® fondamentale per tecnologie come ad esempio il geo-fencing. Ti suggerisco di inviare messaggi in-app agli utenti per illustrare loro i benefici per la loro esperienza in app dell’attivazione dei servizi di localizzazione. Subito dopo questi messaggi, mostra loro il prompt standard in cui possono inserire il loro consenso ad essere tracciati. E’ una grande strategia per spronare gli utente ad attivare i servizi di localizzazione!¬†

SHARE

12-strategie-vincenti-sulle-notifiche-Push

13 strategie vincenti sulle notifiche Push

13 strategie vincenti sulle notifiche Push

Come amplificare il coinvolgimento degli utenti

Il potere delle notifiche push ūüöÄ

Al giorno d’oggi, le notifiche push sono considerate da molti come lo strumento di marketing pi√Ļ potente e di successo di sempre. In effetti, possono essere l’asso nella manica dei marketer che vogliono fidelizzare i propri utenti mobili. Attraverso le notifiche push √® possibile¬†raccogliere i dati¬†dei clienti per raggiungerli di nuovo,¬†vendere loro dei nuovi prodotti,¬†introdurre dei nuovi servizi. Il loro obiettivo √® stabilire una connessione con i clienti. Uno dei punti di forza delle notifiche push √® che sono quasi impossibili da ignorare, perch√© occupano uno spazio fisico nel nostro smartphone. Tuttavia,¬†il loro uso improprio potrebbe avere un effetto davvero dannoso, portando gli utenti a¬†disattivare le notifiche. Ecco perch√© √® fondamentale comprendere le caratteristiche principali di notifiche push¬†efficaci:

  • Personalizzazione:¬†rivolgiti alla singola persona, non a un pubblico generico, e¬†personalizza il contenuto¬†in base a ci√≤ che √® rilevante per l’utente
  • Azione: fornisci agli utenti un¬†obiettivo chiaro, ovvero una azione pratica e intuitiva che gli utenti possano svolgere, traendone beneficio. Le azioni necessitano di essere spiegate chiaramente passo dopo passo e lo stesso deve essere per¬†quello che ne risulter√†
  • Tempismo: √® ancora pi√Ļ probabile che le notifiche push raggiungano il loro obiettivo quando sono attivate da specifici¬†comportamenti, localizzazioni o preferenze dell’utente

All’inizio puoi concentrarti sulla personalizzazione e sull’azione, perch√© senza questi due elementi le probabilit√† che le tue notifiche push vengano ignorate sono davvero alte. Ricorda che¬†l’obiettivo della tua notifica push √® spingere gli utenti a fare click per aprirla ed eseguire l’azione che hai suggerito loro. Se mancano di personalizzazione e di elementi azionabili, potrebbero persino avere un impatto negativo sugli utenti, portandoli a disattivare le notifiche push o, peggio ancora, a disinstallare la tua app. In una fase successiva, puoi provare a creare¬†notifiche push pianificate nel tempo, che √® la funzionalit√† pi√Ļ difficile da implementare, poich√© √® necessario raccogliere in precedenza dati sul comportamento, la posizione e le preferenze degli utenti.

Quando i clienti accettano di ricevere le tue notifiche push, ci sei quasi! ūüĎŹ Hai la possibilit√† di inviare messaggi personalizzati direttamente ai loro dispositivi. Assicurati che¬†le tue notifiche push¬†offrano¬†il maggior¬†valore¬†possibile,¬†risolvano i problemi dei clienti¬†e¬†soddisfino le loro esigenze. In questo modo,¬†aumenterai il coinvolgimento dei clienti, aumenterai i tassi di conversione e¬†otterrai clienti fidelizzati¬†ūü§©. Come farlo? Scopriamolo insieme!

Trucchi per aumentare il coinvolgimento degli utenti attraverso le notifiche push ūüďĪ ūüéČ ūüí•

1.

Fai in modo che gli utenti accettino di ricevere le notifiche push ‚úÖ

Il consenso degli utenti per inviare loro notifiche push gioca un ruolo chiave¬†nella tua strategia di marketing. A questo punto, dovresti aver ben presente i molteplici vantaggi delle notifiche push per il successo della tua azienda. Quindi, non dimenticare mai di assicurarti di¬†fare un’ottima prima impressione. Sfortunatamente, di rado ti capita di avere una seconda possibilit√†! Se gli utenti hanno una prima esperienza negativa, non esiteranno a disinstallare la tua app. Ecco perch√© dovresti concentrarti sulla creazione di una strategia di on-boarding efficace senza essere invadente. Il processo di on-boarding consiste nel¬†delineare¬†tutte le¬†caratteristiche principali dell’app¬†la prima volta che gli utenti la aprono. Ricorda di mostrare rapidamente agli utenti¬†come la tua app pu√≤¬†soddisfare le loro esigenze e¬†aiutarli a raggiungere i loro obiettivi¬†e presto stabilirai una forte relazione con loro. Puoi persino creare un¬†messaggio accattivante¬†per la tua schermata iniziale (splash screen) per spingere gli utenti ad accettare le tue notifiche push. Essendo la¬†prima cosa¬†che viene generalmente¬†visualizzata quando si apre un’app, una schermata iniziale accattivante √® il segreto per¬†attirare l’attenzione dei nuovi utenti¬†e¬†rafforzare la consapevolezza di marca. Il suo obiettivo principale √® stupire gli utenti e convincerli che vale la pena conoscere la tua app. In sostanza, se gli utenti ti consentono di inviare loro notifiche push, √® fatta. Se invece dicono di no, prova a chiederlo di nuovo in seguito. Ricordati di rivolgerti agli utenti in modo educato e intelligente. Avrai maggiori possibilit√† di aumentare i tassi di¬†opt-in.

2.

Lascia che gli utenti personalizzino la propria esperienza

Crea un¬†pannello di controllo intuitivo¬†e¬†consenti agli utenti di personalizzare il contenuto¬†che riceveranno. A loro piacer√† molto e apprezzeranno lo sforzo che metti nello stabilire una relazione forte con loro, basata sulla¬†fornitura di grande valore.¬†Consenti agli utenti di dirti ci√≤ in cui sono interessati e cosa vogliono, quanto ne vogliono e quando lo vogliono. Ti suggerisco inoltre di consentire loro di scegliere il tipo di informazioni che desiderano ricevere, di selezionare i giorni della settimana in cui desiderano ricevere i messaggi e di specificare quei giorni in cui non vogliono essere disturbati. In questo modo, sarai meno responsabile dell’invasione della privacy degli¬†utenti, perch√© sarebbero loro a¬†scegliere ci√≤ che vogliono ottenere. A sua volta, puoi sfruttare tutti i dati utente raccolti per inviare loro notifiche push personalizzate. Fantastico, vero?

3.

Fornisci un'esperienza straordinariamente coinvolgente ūü§©

L’obiettivo principale delle notifiche push √® incoraggiare gli utenti ad agire o a interagire con la tua app. Se sei cos√¨ bravo da creare notifiche push efficaci, gli utenti eseguiranno l’azione suggerita e non vedranno l’ora di riceverne altre! Grazie a piattaforme tecnologiche moderne e innovative, puoi garantire agli utenti un’esperienza unica e divertente¬†inviando loro¬†notifiche push con contenuti multimediali¬†come immagini, GIF, video, notizie e sondaggi relativi al contenuto del messaggio. Cosa stai aspettando? Inizia a scrivere nuove notifiche push multimediali e preparati a raccoglierne i frutti! Un altro modo per rendere le notifiche push pi√Ļ coinvolgenti √® l’aggiunta di¬†pulsanti interattivi¬†che invitano gli utenti a eseguire un’azione specifica, ad esempio: “Acquista ora“, “Acquista pi√Ļ tardi“, “Tocca per mostrare ora“, “Premi per scoprire di pi√Ļ” e cos√¨ via. Infine, potresti anche aggiungere emoticon ai tuoi messaggi per dare loro un tocco colorato e giocoso in grado di invogliare gli utenti ad aprire la tua push. Se combini notifiche push multimediali con pulsanti interattivi ed emoji, puoi conquistare il mondo!

4.

Invia notifiche push basate sulla¬†localizzazione geograficaūüďćūüď≤

Al giorno d’oggi, gli utenti sono in movimento quasi tutto il giorno e tutti i giorni: si spostano da e verso il lavoro, viaggiano, fanno shopping, fanno commissioni, portano i bambini a scuola, ecc. Quindi, perch√© non¬†sfrutti le diverse localizzazioni degli utenti¬†nella tua campagna di marketing? Estraendo dati basati sulla posizione geografica, puoi indirizzare ai clienti delle¬†notifiche push specifiche per ogni contesto, fornendo un’esperienza davvero coinvolgente. Ad esempio, quando gli utenti parcheggiano vicino al tuo negozio fisico, invia loro una notifica push con alcune offerte speciali che li spingano ad entrare nel negozio. Questo √® solo un esempio di una tecnica semplice ma che pu√≤ fornire utilit√† e valore ai tuoi clienti, incoraggiandoli a stabilire una forte relazione con il tuo brand. Puoi scoprire di pi√Ļ in questo articolo.

5.

Personalizza le notifiche push per ogni utente

Ti consiglio vivamente di¬†segmentare la tua base di utenti¬†e scrivere¬†messaggi personalizzati¬†per ognuno. √ą necessario personalizzare le notifiche push e implementare diverse strategie di contenuto in base alla fase che ogni utente sta attraversando nel proprio ciclo di vita del cliente (customer life cycle), al profilo (et√†, sesso, posizione, ecc.), ai preferiti o agli articoli visualizzati di recente. Questa massa di dati ti aiuter√† a creare messaggi fantastici e coinvolgenti che¬†faranno sentire speciali i tuoi clienti.¬†Questa strategia li incoragger√† sicuramente a riaprire la tua app e controllare le tue ultime offerte. Quindi, √® probabile che aumenti anche i tassi di fidelizzazione degli utenti.

6.

Stuzzica gli utenti con offerte a tempo limitato ‚ŹĪ

Innanzitutto, dovresti capire cosa interessa ai tuoi utenti, a cosa attribuiscono maggior valore, e cosa li tenterebbe a riaprire la tua app, Solo allora, puoi focalizzarti sulla creazione di offerte speciali per loro. Ricorda di trovare il giusto equilibrio e tono. Fai una scelta saggia e evita di inviare troppe offerte, cercando una dose che sia adeguata in base ai tuoi target, alla tua offerta e alle tue finalità. Non inviare offerte casuali ai tuoi utenti! Devono essere rilevanti per loro, e avere una durata effettivamente limitata. Quindi, non ti resta che essere creativo!

7.

Incoraggia gli utenti ad aggiornare la tua app ūüÜē ūüéČ

Vuoi informare gli utenti di nuovi aggiornamenti della tua app? Fallo con una notifica push! Sfortunatamente, molte persone spesso non hanno gli aggiornamenti automatici delle app attivati. Ma non vuoi che i tuoi clienti perdano le ultime funzionalità o miglioramenti della tua app, vero? Quindi, scrivi notifiche push personalizzate che mostrino i vantaggi dei tuoi nuovi aggiornamenti. Potresti inviare ai tuoi clienti un messaggio spingendoli ad aggiornare la tua app, mantenendoli coinvolti.

8.

Coinvolgi nuovamente gli utenti inattivi ūüėī ‚Ź© ūü§©

Alcuni dei tuoi¬†clienti pi√Ļ fedeli, quelli che hanno registrato i tassi di utilizzo pi√Ļ elevati in un certo periodo di tempo,¬†ti hanno¬†improvvisamente¬†abbandonato? Ok,¬†niente panico! So che la concorrenza √® feroce nel mondo digitale e probabilmente ci sono centinaia di app simili alla tua. Tuttavia,¬†le notifiche push personalizzate ti danno la possibilit√† di coinvolgere nuovamente gli utenti inattivi¬†mostrando le nuove funzionalit√†, i miglioramenti, un’interfaccia utente della tua app ridisegnata, ecc. Il tuo obiettivo finale √®¬†dare loro dei motivi per tornare. Quindi, fai tutto il necessario per far capire ai tuoi utenti che anche loro sentono la tua mancanza, in fondo!

Ricorda che le notifiche push sono uno dei pi√Ļ potenti strumenti di marketing mobile. Se vengono utilizzate con saggezza, possono contribuire al successo della tua app e ridurne il tasso di abbandono. Il segreto √® inviare questi messaggi nella giusta quantit√†: poche push non coinvolgeranno gli utenti, ma troppe push irrilevanti potrebbero finire per infastidire gli utenti della tua app. Il tuo obiettivo √® aumentare i tassi di retenzione della tua app, non spingere gli utenti a eliminare la tua app!

9.

Notifiche push interattive

Ora √® possibile inserire dei¬†pulsanti interattivi¬†nelle notifiche push, dando ai tuoi utenti la possibilit√† di scegliere tra¬†molteplici opzioni di risposta. E’ un modo innovativo per coinvolgere e interagire con gli utenti ancora pi√Ļ in profondit√†.

10.

Attiva delle offerte speciali ūüéČ ūü§Ď

Puoi inviare ai tuoi clienti¬†una notifica push con un coupon¬†e aggiungere¬†pulsanti interattivi. In questo modo, gli utenti possono scegliere di scaricarlo o rifiutarlo. E ‘un simpatico trucco che pu√≤ essere utilizzato per convertire gli utenti in clienti. Successivamente, puoi inviare¬†reminder di scadenza automatici¬†per assicurarti che non dimentichino lo sconto.

11.

Crea un senso di urgenza attraverso reminder dal carrello di spesa ūüõć ūüõí ūüóí

Gli utenti hanno aggiunto alcuni prodotti al carrello senza completare l’acquisto? Invia loro un¬†promemoria della¬†scadenza¬†del carrello per incoraggiarli a comprare. Puoi attirare l’attenzione dei tuoi utenti e coinvolgerli tramite pulsanti personalizzati come “Visualizza carrello“, “Ricordamelo pi√Ļ tardi“, ecc. Puoi anche provare a promuovere il tuo marchio e i tuoi prodotti aggiungendo un¬†pulsante di condivisione social¬†alle notifiche push. Quindi, i tuoi clienti saranno pi√Ļ propensi a parlare ai loro amici di una vendita speciale che offri.

12.

Sprona i tuoi utenti fidelizzati a entrare nel tuo programma VIP ūüėé

Le notifiche push con dei pulsanti interattivi sono magiche! Possono spingere i tuoi clienti ad accedere alla tua app, dove puoi premiarli con un’offerta speciale per il tuo programma VIP. Ad esempio, quando il tracciamento della posizione degli utenti rivela che sono stati nel tuo negozio pi√Ļ volte,¬†invia loro un invito per entrare nel tuo programma VIP illustrandone tutti i vantaggi.

13.

Lancia delle micro-campagne automatizzate ūüõć ūüõí

Natale, Pasqua, Cyber Monday e Black Friday sono tutte¬†occasioni speciali per realizzare specifiche campagne di marketing¬†e fornire ai clienti una serie di¬†offerte esclusive. Il tuo obiettivo principale √® convincere gli utenti a partecipare a una campagna specifica, in modo che ricevano attivamente le notifiche push tramite la tua¬†campagna drip automatizzata. Avranno la possibilit√† di controllare i tuoi prodotti, offerte e simili. Il pulsante “opt-in” consente agli utenti di impostare le loro categorie di prodotti preferite e, quindi, ricevere offerte personalizzate. Questa strategia migliorer√† l’esperienza dell’utente!

Rich push notifications ūüĖľ ūüĒä ūüďĹ

Le notifiche push con contenuti multimediali sono notifiche push speciali e all’avanguardia che garantiscono¬†un’esperienza utente migliorata. Sono dotate di¬†immagini, GIF, audio, brevi video, pulsanti interattivi, icone¬†e cos√¨ via. Le notifiche multimediali stanno rivoluzionando le campagne di marketing! Infatti, portano con loro dei contenuti divertenti che vengono mostrati agli utenti se fanno click sulla push, senza aprire l’app. Fondamentalmente offrono ai marketer la possibilit√† di¬†attirare l’attenzione degli utenti,¬†coinvolgerli e interagire con loro. Ad esempio, le notifiche push avanzate sono perfette per:

  • scorci delle ultime novit√†
  • inviti sul calendario per nuovi eventi
  • GIFs dalle gare sportive
  • trailer di film
  • video musicali
  • mantenere una certa consistenza del brand (brand consistency)

Tuttavia, ricorda di prestare attenzione alle limitazioni poste dai dispositivi Android alle notifiche push multimediali, e ai pi√Ļ generali limiti dei dati.

Come sfruttare le notifiche push multimediali

Le notifiche push multimediali sono potenti perché in grado di coinvolgere gli utenti nella tua app anche quando questa è chiusa. Ciò può essere realizzato attraverso:

  • Estensione dei contenuti: si tratta di dettagli che possono essere mostrati agli utenti senza che aprano l’app. Possono essere usati, per esempio, quando una push contiene un invito del calendario ad un evento. Gli utenti possono aprire la push cliccandola, leggere le specifiche dell’evento e accettare l’invito, tutto senza sbloccare il proprio cellulare.
  • Allegati multimediali: sono immagini, video e suoni che mostrano agli utenti contenuti personalizzati.

E se gli utenti non fossero in grado di vedere i contenuti multimediali delle notifiche push? ūüėĪ

Un’esperienza utente eccezionale¬†√® il segreto del successo delle aziende e il¬†focus di un’efficace campagna di marketing mobile. Come ti ho illustrato in questo articolo, le notifiche push hanno diversi vantaggi e contribuiscono a implementare una strategia di marketing di successo. Ma fa attenzione!¬†Quando crei notifiche push multimediali, assicurati che tutti gli utenti possano comprenderle, anche senza avere accesso al contenuto, altrimenti il tuo lavoro andr√† sprecato. Supponiamo che alcuni dei tuoi utenti non riescano a capire il tuo messaggio perch√© non riescono a vedere l’immagine correlata. √ą un’esperienza utente davvero negativa! Ci sono molti motivi per cui questo potrebbe accadere:

  • gli utenti non hanno scaricato l’ultima versione della tua app
  • stanno usando un sistema operativo un po’ datato
  • l’immagine non pu√≤ essere caricata a causa di una connessione debole o di un server molto intasato

In ogni caso, devi far sì che la tua strategia permetta agli utenti di comprendere la tua push anche senza i contenuti di intrattenimento che le hai allegato. Come? Spero di aiutarti con questi pochi piccoli consigli:

  • Scrivi accuratamente la tua push: il tuo messaggio non dovrebbe far riferimento al contenuto multimediale che stai inviando, in modo da poter risultare funzionale anche se il caricamento del media dovesse fallire.
  • Segmenta la tua base di utenti: ti conviene puntare solo a quegli utenti che abbiano maggiori possibilit√† di ricevere la tua push multimediale correttamente, come per esempio coloro che abbiano installato l’ultima versione della tua app.
  • Crea diverse opzioni di testo: scrivi due messaggi differenti, uno che venga mostrato in caso di caricamento del contenuto multimediale, e l’altro che assicuri una corretta leggibilit√† anche se il caricamento dovesse fallire.

Ricapitoliamo

So di averti dato molte informazioni! Starai probabilmente pensando “Wow, ho un sacco da fare! Sar√† dura.” Ma non ti preoccupare, ho deciso consapevolmente di scrivere questo lungo articolo ricco di contenuti utili a farti capire i molteplici vantaggi delle notifiche push.

Ecco un breve recap delle 12 strategie vincenti sulle notifiche push di cui abbiamo parlato:

  1. Fai in modo che gli utenti accettino di ricevere le notifiche push
  2. Lascia che gli utenti personalizzino la propria esperienza
  3. Fornisci un’esperienza straordinariamente coinvolgente
  4. Invia notifiche push basate sulla localizzazione geografica
  5. Personalizza le notifiche push per ogni utente
  6. Stuzzica gli utenti con offerte a tempo limitato
  7. Incoraggia gli utenti ad aggiornare la tua app
  8. Coinvolgi nuovamente gli utenti inattivi
  9. Notifiche push interattive
  10. Attiva delle offerte speciali
  11. Crea un senso di urgenza attraverso reminder dal carrello di spesa
  12. Sprona i tuoi utenti fidelizzati a entrare nel tuo programma VIP
  13. Lancia delle micro-campagne automatizzate

Seguendo questi consigli e pianificando la tua strategia di marketing passo dopo passo, riuscirai ad amplificare il coinvolgimento dei tuoi utenti! Coraggio, al lavoro!

SHARE

Una-strategia-vincente-di-marketing-del-ciclo-di-vita-del-cliente-

Una strategia vincente di marketing del ciclo di vita del cliente

Una strategia vincente di marketing del ciclo di vita del cliente

Cos'è il marketing del ciclo di vita?

Il marketing del ciclo di vita si concentra sul viaggio (journey) che i clienti attraversano quando interagiscono con le aziende e i loro brand. Questo viaggio, chiamato anche ciclo di vita del cliente, comprende diverse fasi attraversate dagli utenti, iniziando come potenziali clienti fino a trasformarsi in clienti fedeli. Il marketing del ciclo di vita è un approccio davvero potente, poiché è incentrato sulle customer personas e sulla fase specifica in cui si trovano nel loro viaggio. In questo modo, le aziende possono condurre campagne di marketing specifiche, creando messaggi personalizzati che offrano vendite, supporto, notizie, ecc., In base alle esigenze degli utenti, con lo scopo di incoraggiarli a utilizzare le loro app.

Fasi del ciclo di vita del cliente

Gli studiosi hanno adottato diversi approcci nella definizione delle fasi del ciclo di vita del cliente. Tuttavia, uno dei pi√Ļ calzanti comprende le seguenti fasi:

  • Conoscenza
  • Acquisizione
  • Conversione
  • Retenzione
  • Fidelizzazione

Come si può notare, un utente attraversa diverse fasi progressive prima di diventare un cliente fidelizzato. Ecco perché é importante per le compagnie trattenere i clienti, non solo acquisirli. Infatti, la retenzione (retention) è ora considerata da molti la fase cruciale per il successo di un business. Quindi, scopriamo alcune delle principali caratteristiche di di ciascuna fase del ciclo di vita del cliente (insieme ad alcuni consigli su come sfruttare al meglio questo tipo di strategia)!

1.

Conoscenza

E’ l’inizio di ogni ciclo di vita del cliente. Le attivit√† economiche possono sfruttare i¬†social media, gli ads e il passaparola¬†per¬†attirare l’attenzione di potenziali clienti,¬†mostrare¬†loro¬†i propri prodotti e servizi, e¬†distinguersi¬†dalla massa grazie al proprio¬†valore. Consigli:

  • Dovresti assolutamente optare per una strategia di marketing omnicanale, che ti permette di raggiungere i tuoi clienti potenziali attraverso una moltitudine di canali. Assicurati di garantire agli utenti una¬†esperienza senza soluzione di continuit√†¬†con il tuo¬†brand. Questo sar√† un punto a tuo favore!
  • In questa primissima fase, dovresti attuare una strategia di marketing basata sui¬†contenuti¬†creando qualsivoglia¬†risorsa¬†che possa essere utile e¬†coinvolgente¬†come infografiche, storie di successo e piccoli video. Ricorda che √® fondamentale impegnarsi molto per attirare l’attenzione dei clienti attraverso¬†contenuti¬†significativi che possono anche essere¬†condivisi.
  • Prova anche a¬†incrementare il traffico del tuo sito web¬†e a rafforzare la SEO, affinch√© la tua pagina venga trovata pi√Ļ facilmente dai motori di ricerca.

 

2.

Acquisizione

Una volta che la tua azienda conosce il CLV di ciascun cliente potr√† capire quali di questi saranno i pi√Ļ redditizi nel tempo. Scopriamo insieme alcune delle strategie da attuare per aumentare il Customer Lifetime Value:

  • Incrementa la soddisfazione dei tuoi clienti: focalizzati sul cliente e fornisci loro la migliore esperienza possibile. Lo sapevi che, in uno studio di Temkin Group, √® stato rilevato che l‚Äô86% dei Clienti che avevano ricevuto una grandiosa customer experience avevano maggiori probabilit√† di riacquistare dallo stesso brand?¬†

  • Comprendi il comportamento dei clienti e mira all’acquisto ripetitivo: in particolar modo le esigenze e le motivazioni che guidano le decisioni d’acquisto. In questo modo la tua azienda potr√† implementare le tattiche per offrire sempre il massimo valore e puntare in alto. Un cliente fidelizzato √® orientato all‚Äôacquisto ripetitivo, perch√© √® stata stabilita una relazione ed √® consapevole che quell’azienda ha ci√≤ di cui ha bisogno per risolvere i suoi problemi.

  • Customer support: assicurati di essere disponibile per aiutarli quando hanno bisogno di te e a trovare una soluzione ai loro problemi.

    Secondo la McKinsey, società internazionale di consulenza manageriale, il 70% delle esperienze di acquisto si basa sul modo in cui il cliente si sente trattato.

  • Aumenta la retention: rafforza le relazioni per aumentare la fidelizzazione. Se mantieni una relazione con chi ha gi√† acquistato, il tuo investimento iniziale sar√† molto pi√Ļ fruttuoso.

  • Allineati con il valore dei clienti e coinvolgili regolarmente: Le persone sono pi√Ļ attratte dai brand che condividono i loro stessi valori e le stesse convinzioni. I programmi di comunicazione su misura, quindi, fanno al caso tuo. √® necessario mandare il messaggio giusto, al momento giusto e attraverso il giusto canale.¬†

  • Offri interazioni personalizzate: ad esempio basate sulla messaggistica tramite mail. Lo sapevi che, una ricerca condotta da Adobe afferma che il 61% dei Clienti si sente fedele ai brand che adattano le loro esperienze alle preferenze e bisogni espressi?¬†

  • Considera un modello di abbonamento. Il vantaggio per i clienti √® spesso uno sconto, sinonimo di facilit√† e convenienza. Tutto questo contribuisce a mantenere una relazione a lungo termine con i brand e aumentare il Lifetime Value.¬†

3.

Conversione

In questa fase, stai cercando di¬†persuadere i clienti all’acquisto sfruttando le email, i blog post, persino i messaggi in-app (scopri di pi√Ļ qui) e le notifiche push (scopri di pi√Ļ qui).¬†L’assistenza alla vendita¬†√® un’altra importante risorsa per incoraggiare i clienti ad acquistare. Consigli:

  • In questa fase, hai bisogno di fare affidamento su un¬†team di customer support¬†competente e una buona¬†base di conoscenza¬†per essere in grado di¬†aiutare i clienti¬†e incontrare i loro bisogni.
  • Fai del tuo meglio per¬†provare che vali, mostrando alle persone cosa ti rende unico, distinguendoti dai tuoi competitor.
  • Spingi i tuoi¬†clienti fidelizzati¬†a¬†scrivere recensioni¬†sul tuo prodotto/servizio. Questo potrebbe spingere altri ad acquistare.

4.

Retenzione

In questa fase, dovresti concentrare gli sforzi sul trattenere i clienti che hai già acquisito, ovvero coloro che hanno acquistato da te almeno una volta e hanno utilizzato la tua app. Dovresti coinvolgerli e spingerli ad utilizzare la tua app regolarmente. In questo modo, avrai maggiori opportunità di trattenerli e incrementare il loro customer lifetime value (CLV), ovvero il loro valore. Consigli:

  • Tramite¬†notifiche push¬†e¬†messaggi in-app¬†puoi metterti in contatto con i tuoi clienti, fornendo un’esperienza utente personalizzata¬†(per esempio, attraverso offerte e contenuti esclusivi). Ci√≤ ti consente di mostrare¬†il valore della tua app¬†e sar√† pi√Ļ probabile che i clienti la utilizzino regolarmente.
  • Potresti anche far leva sul¬†deep linking¬†nelle tue notifiche per guidare i clienti verso¬†specifiche pagine¬†o sezioni nella tua app. Questa si √® dimostrata una strategia davvero efficace per trattenere i clienti.

5.

Fidelizzazione

In questa ultimissima fase, dovresti trasformare i tuoi¬†clienti paganti¬†in¬†sostenitori del tuo brand¬†che sponsorizzino i tuoi prodotti/servizi su pi√Ļ canali. Non sottovalutare il loro potere! Ma quale strategia dovrebbero implementare le compagnie per coltivare dei¬†clienti cos√¨ fedeli?¬†Il segreto √® un prodotto straordinario messo a disposizione tramite un servizio eccellente! Consigli:

  • Innanzitutto, devi¬†misurare la fedelt√† dei tuoi clienti al tuo brand. Monitora quale percentuale dei tuoi clienti effettua acquisti ricorrenti. Dopodich√©, fai un paragone tra i nuovi acquirenti e quelli ricorrenti.
  • Ricorda di¬†continuare a investire¬†nel tuo¬†team di assistenza clienti. Giocano un ruolo fondamentale nel rendere l’esperienza utente¬†pi√Ļ¬†piacevole¬†e nel¬†supportare gli utenti¬†prima, durante e dopo l’acquisto.
  • Non dimenticare mai di¬†nutrire la tua relazione coi clienti fidelizzati. Contribuiranno in larga misura al successo della tua attivit√†.

Come puoi immaginare, il marketing del ciclo di vita del cliente richiede uno sforzo continuo. Ma padroneggiare queste tecniche è la chiave per il successo del tuo business. Sta tutto nel capire i tuoi utenti e concentrarti su di loro, sulla fase che ognuno di loro sta attraversando nel proprio viaggio (customer journey) e sulle specifiche esigenze. Così, sarai in grado di coinvolgerli attraverso una campagna di marketing su misura, trasformandoli da utenti, a lead, a clienti paganti, fino a diventare sostenitori del tuo marchio. Incrementerai costantemente il loro valore (customer lifetime value).

Principali criticità del ciclo di vita del cliente

Scarsa segmentazione

Molto spesso, le aziende non si impegnano molto nella gestione di campagne di marketing personalizzate o mescolano le fasi del ciclo di vita dei clienti. Per esempio, inviano lo stesso messaggio di marketing a tutti i clienti. Per favore, non farlo mai! Devi creare messaggi personalizzati in base alle esigenze e ai desideri dei clienti, alla loro posizione nel percorso del cliente, al loro comportamento passato e al linguaggio del corpo digitale.

Ciclo di vita del cliente troppo tradizionale

A volte le aziende implementano una strategia di marketing del¬†ciclo di vita del cliente,¬†ma delineano¬†fasi tradizionali¬†come le¬†AARRR¬†(ovvero acquisizione, attivazione, fidelizzazione, referral e ricavi). Si tratta di un modello di crescita aziendale che non √® al passo con i tempi, restituendo¬†un percorso del cliente troppo lineare¬†e concentrandosi sull’acquisizione degli utenti¬†come chiave del successo aziendale. Invece,¬†le aziende dovrebbero concentrarsi sulla retenzione/fidelizzazione degli utenti, poich√© si √® rivelato questo¬†il segreto della crescita di un business. √ą anche importante ricordare che il marketing del ciclo di vita del cliente non √® mai lineare, ma ciclico. Cerca di immaginare gli utenti che attraversano le diverse fasi del ciclo di vita del cliente: man mano che le loro esigenze e l’esperienza con la tua azienda cambiano, devi soddisfare costantemente tali esigenze e migliorare la loro esperienza con il tuo marchio.

Segnalazione non tempestiva

Molto spesso, le aziende hanno difficolt√† a capire¬†dove¬†si trovano i loro clienti nel loro percorso, a causa delle diverse piattaforme (communicate across multiple devices useing a headles CMS) che utilizzano, che¬†operano¬†tra loro¬†isolatamente¬†. Di conseguenza, non riescono a capire se le loro strategie di marketing siano efficaci o meno. Inoltre,¬†se ti manca un’informazione in tempo reale sugli utenti della tua app, sar√† difficile personalizzare i messaggi¬†da inviare a ciascuno di loro. E questo √® un inconveniente davvero enorme! Non puoi semplicemente indovinare cosa piace e cosa sono disposti a comprare. Devi targetizzare i tuoi clienti con messaggi basati su ci√≤ che hanno appena acquistato o visualizzato.

Sarebbe davvero utile avere un hub centrale, ovvero un’unica piattaforma, attraverso la quale gestire tutti i dati dei tuoi clienti e inviare loro messaggi in base ai loro comportamenti e preferenze.

 

Focalizzarsi sulle esperienze: i vantaggi

Ora che ho delineato alcuni dei principali errori che le aziende possono commettere nella loro campagna di marketing sul ciclo di vita del cliente, √® tempo di affrontare i vantaggi che possono ottenere concentrandosi sull’esperienza del cliente. Il segreto di una strategia vincente di marketing del ciclo di vita del cliente √® fornire un’esperienza straordinaria al cliente. Cos’√® esattamente un’esperienza cliente? Si riferisce alla¬†percezione che i clienti hanno di brand e aziende. Ci√≤ a sua volta significa che l’identit√† del tuo marchio √® interamente basata sulla percezione dei clienti. Considerando che¬†i clienti creano la propria percezione interagendo con la tua azienda e la tua app, devi¬†fornire il maggior valore possibile¬†in ogni interazione con i tuoi clienti e su qualsiasi piattaforma che essi utilizzino. Infatti, gli utenti considerano un’esperienza cliente straordinaria quando ricevono¬†valore,¬†fiducia¬†e¬†rispetto.

Ottimizzazione dell'esperienza cliente

Le piattaforme di ottimizzazione del cliente¬†sono strumenti davvero potenti, in quanto¬†in grado di dirti esattamente dove si trova ogni utente nel suo viaggio¬†e¬†a quale segmento appartiene. Implementando questo tipo di piattaforma, non dovrai pi√Ļ tentare di indovinare dove si trovano gli utenti nel loro ciclo di vita! Riceverai¬†dati aggiornati sulle attivit√† dei clienti¬†e saprai esattamente cosa stanno facendo, cosa stanno acquistando, dove trascorrono la maggior parte del tempo, cosa stanno visualizzando e su cui fanno clic. In sostanza, una piattaforma di ottimizzazione dell’esperienza del cliente consente alle aziende di creare messaggi in-app personalizzati e notifiche push sulla base dei dati comportamentali degli utenti,¬†rendendo cos√¨ la tua comunicazione pi√Ļ pertinente.

Ricorda che i¬†clienti¬†devono essere sempre¬†il punto focale¬†di una compagnia. Infatti, focalizzandoti sull’esperienza del cliente, avrai la possibilit√† di trasformare i clienti fedeli in sostenitori capaci di portare con s√® nuovi utenti e incrementare i tuoi tassi di¬†user retention. Quindi, beneficerai di un¬†pi√Ļ alto CLV (valore), le tue entrare aumenteranno¬†e¬†la percezione del tuo brand sar√† migliorata.

Ricapitoliamo

I temi principali che abbiamo affrontato in questo articolo sono i seguenti:

  • Cos’√® il marketing del ciclo di vita?
  • Le fasi del ciclo di vita del cliente
    • Reach
    • Acquisizione¬†
    • Conversione¬†
    • Retenzione¬†
    • Fidelizzazione¬†
  • Principali criticit√† del ciclo di vita del cliente
    • Scarsa segmentazione
    • Ciclo di vita del cliente troppo tradizionale
    • Segnalazione non tempestiva
    • Focalizzarsi sulle esperienze: i vantaggi
    • Ottimizzazione dell’esperienza cliente

... E ora? ūü§Ē

Sei pronto a coinvolgere gli utenti ancora di pi√Ļ con messaggi in-app e notifiche push personalizzati? Dai un’occhiata a¬†Shoppy¬†e scopri il suo enorme potenziale!

SHARE

Newsletter-VS-Notifiche-push--raggiungere-e-stimolare-i-tuoi-consumatori

Newsletter VS Notifiche push: raggiungere e stimolare i tuoi consumatori

Newsletter VS Notifiche push: raggiungere e stimolare i tuoi consumatori

Lo squillo di una notifica e l’icona di un nuovo messaggio ci accompagnano durante tutta la giornata.

Quante volte monitoriamo i nostri devices per assicurarci che qualcuno ci abbia scritto un messaggio e che non ci abbia dimenticati? Secondo una ricerca di Deloitte, circa il 20% dei proprietari di uno smartphone controlla il proprio telefono oltre 50 volte al giorno, una ogni 20 minuti per ciascuna ora in cui è sveglio. 

Considerando questa frequenza, è evidente che l’attenzione verso la forma e la presentazione di un qualsivoglia messaggio si sia progressivamente ridotta, per lasciare spazio al bisogno crescente di una comunicazione rapida e mirata in cui, oltre ai contenuti, assume particolare importanza per gli utenti il sentirsi parte di una comunità sempre attiva.

Questo fenomeno influisce inevitabilmente sulle strategie di marketing e di corporate communication,¬†e se possiedi un e-commerce, non puoi certamente ignorarlo. In questo articolo metteremo a confronto l‚Äôefficacia di una¬†notifica push¬†con quella di una pi√Ļ tradizionale¬†newsletter¬†nella comunicazione one-to-one tra marketer e utente, sottolineando i diversi aspetti di cui tener conto nell’epoca del “tutto e subito“.

 

1.

Time-saving

In una societ√† frenetica e dinamica come quella attuale, risparmiare anche un solo secondo pu√≤ essere prezioso. Per questo motivo, un utente che si trovi davanti un testo lungo e articolato sar√† propenso a ignorare il messaggio, scoraggiato dalla quantit√† di informazioni proposte e dal poco sforzo disposto a dedicarvi. Una¬†push notification, apparendo istantaneamente sul suo lock screen, attirer√† invece la sua attenzione e gli permetter√† di recepire il messaggio in pochi secondi, grazie all’utilizzo di un¬†numero pi√Ļ limitato di parole poco formali.¬†Questo √® ci√≤ che basta a suscitare nell’utente curiosit√† e spingendo a conoscere una questione apparsa ai suoi occhi rapidamente senza che se lo aspettasse.

Anche dal punto di vista del creator, programmare l’invio di un messaggio¬†push¬†pu√≤ essere una valida alternativa alla progettazione e stesura di un messaggio lungo, completo e articolato come quello contenuto in una¬†newsletter.

2.

Got it!

Possedere un indirizzo mail o un’app adibita alla lettura e scrittura di esse non sempre corrisponde alla capacit√† di ricevere in modo tempestivo le comunicazioni realizzate attraverso questi canali. Poco utilizzate dai giovanissimi e progressivamente rimpiazzate dalla IM (Instant Messaging), le email costituiscono oggi un mezzo sempre meno efficace per comunicare un evento o sollecitare i consumatori a una cta (call-to-action), complice la principale caratteristica di non essere interamente leggibili attraverso un’anteprima.

Al contrario, le push notifications¬†ti offrono la garanzia di essere¬†immediatamente recapitate¬†a tutti gli utenti selezionati come destinatari, poich√© strutturate in modo da essere¬†contenute in uno spazio limitato dello schermo, spesso anche quando quest’ultimo √® bloccato. Per questo motivo¬†√® possibile leggerle senza doverle necessariamente aprire.

3.

Choice

Se gli utenti non vogliono ricevere tue notizie, hanno diverse alternative per smettere di ascoltarti.

Quando la comunicazione √® conseguenza della loro spontanea iscrizione alla tua mailing list, l’unico modo che hanno per interrompere la conversazione √® cancellarsi dai tuoi servizi di newsletter. Ci√≤ per√≤ si caratterizza come un’azione definitiva e difficilmente convertibile in una nuova iscrizione in seguito.

Grazie alla possibilit√† di spegnerle¬†solo temporaneamente e riattivarle in un secondo momento, la comunicazione basata sull’invio di¬†notifiche¬†√® pi√Ļ¬†facilmente gestibile dall’utente. Consapevole del suo maggior grado di controllo e potere decisionale, egli sar√† infatti meno propenso a prendere decisioni fortemente risolutive, come nel caso precedente.¬†

Un buon metodo da mettere in campo per assicurarsi una¬†maggiore fidelizzazione¬†ed un¬†aumento dell’interazione pu√≤ essere, ad esempio, l’invio di una notifica dopo l‚Äôinstallazione o un messaggio all‚Äôutente quando utilizza l‚Äôapp per la prima volta, per chiedere se desidera attivare le notifiche.¬†¬†

Per concludere, maggiore sar√† il tuo livello di¬†engagement¬†con gli utenti, maggiori saranno l’attenzione e l’interesse che essi dedicheranno alla tua attivit√†! E’ importante ricordare loro che ci sei, attraverso una¬†notifica¬†che li invogli a¬†farti visita ogni¬†tanto,¬†esplorare nuovi prodotti,¬†usufruire di occasioni speciali¬†o a prendere in mano la situazione ed effettuare quell’acquisto che rimandano da tanto e che √® ormai da troppo tempo nel¬†carrello

Se hai un e-commerce su Shopify e vuoi fare tutto questo in modo rapido, semplice e intuitivo, e raggiungere in maniera efficace i tuoi utenti, ecco una proposta che potrebbe fare al caso tuo Visita il sito di Shoppy!

SHARE

9-consigli-per-migliorare-il-tuo-e-commerce

9 consigli per migliorare il tuo e-commerce

9 consigli per migliorare il tuo e-commerce

Ehi Leader! 

Sì, dico proprio a te.

Non importa quanto sia grande il tuo e-commerce o quanto fatturi ogni mese. Il tuo spirito di iniziativa è una condizione sufficiente affinché tu possa definirti un Leader, e dovresti esserne davvero fiero.

Viviamo un’epoca in cui ogni piccolo dettaglio √® in grado di fare la differenza e oggi sono qui per condividere con te alcuni consigli per aiutarti a rimanere a galla nel vasto mare che √® il mercato globale. Non √® la “Sacra Bibbia” del marketer, ma sono sicura che potr√† aiutarti a effettuare un upgrade delle tue strategie di marketing, contribuendo cos√¨ alla crescita del tuo business.

1.

Indossa i panni del tuo cliente

Non letteralmente, mi sembra ovvio.

Pensa come se fossi tu stesso uno dei tuoi potenziali clienti. Questo potrebbe aiutarti a definire ci√≤ che attualmente manca al tuo prodotto o servizio per essere impeccabile. Se sarai capace di percepire un problema e risolverlo immediatamente scoprirai una nuova fetta di pubblico, che sar√† piacevolmente sorpresa dalla tua capacit√† di comprendere un bisogno e anticiparlo. Concretamente, nell’ottica di migliorare il tuo e-commerce, quello che potresti fare √® approfondire la conoscenza del cliente e¬†sforzarti di vedere l‚Äôesperienza d’acquisto attraverso i suoi occhi. In questo modo sarai in grado di capire come i consumatori interagiscono con l‚Äôapplicazione e identificare dove √® possibile migliorarne l‚Äôusabilit√†.¬†

2.

Sfrutta i vantaggi delle nuove "4P"

Il¬†marketing mix¬†√® composto da quattro fattori fondamentali utili alla definizione della la strategia di marketing perfetta: sono le¬†4 P del marketing¬†(Product, Price, Place, Promotion). La chiave del successo di un piano di marketing strategico √® trovare il giusto equilibrio tra questi fattori in modo che soddisfino insieme le esigenze dei clienti e gli obiettivi di business.¬†Recentemente, l’esperto in strategie digitali¬†Sean MacDonald¬†ha messo in luce la presenza di alcune nuove “P”¬†attorno cui le strategie di marketing dovrebbero focalizzarsi:

  • PURPOSE (SCOPO): accogli, condividi e comunica i valori che il tuo pubblico considera importanti. Adatta le tue strategie di corporate marketing ai bisogni dei tuoi utenti.
  • POSITIONING (POSIZIONAMENTO): fai attenzione! Concentrati su come poter presentare il tuo prodotto o servizio affiancandolo ad una forte esperienza che permetta di aumentare il coinvolgimento delle generazioni pi√Ļ giovani, focalizzate maggiormente sulle emozioni che ne derivano piuttosto che sugli oggetti materiali in s√©, in modo che ci siano pi√Ļ probabilit√† che diventino clienti fedeli.
  • PERSONALISED (PERSONALIZZAZIONE): se sei in grado di offrire ai tuoi clienti un prodotto su cui essi possano apporre la propria “firma”, rendendolo unico, sei decisamente un passo avanti.¬†Inserisci nella tua collezione alcuni pezzi basic che i tuoi consumatori potranno personalizzare, lasciandosi guidare dal loro stile.
  • PARTNERSHIPS (COLLABORAZIONI): avere accanto al tuo prodotto dei volti conosciuti come testimonial famosi incrementer√† in maniera decisiva la tua credibilit√†, la tua reputazione e la tua fama. Una strategia che molti brand stanno utilizzando √® quella dell‘influencer marketing, che prevende il coinvolgimento di testimonial o blogger con ampio seguito sui social. Attraverso lo status di esperti che gli viene riconosciuto in uno specifico settore, possono testare, validare e poi comunicare ai propri follower la bont√† di un brand o un prodotto. Oggi questa strategia sta assumendo sempre pi√Ļ rilievo, tanto che il 67% di professionisti in marketing e comunicazione¬†ingaggia influencer¬†per la creazione di contenuti promozionali.¬†

3.

Utilizza il passaparola

La pubblicit√† √® un caposaldo irrinunciabile, specialmente quando parliamo di marketing online. Investire in campagne pubblicitarie mediate dai social o indipendenti rimane un’alternativa validissima. Ma che ne dici del passaparola? Le strategie di marketing basate su questa tecnica (WOM Marketing Strategies) possono aiutarti a crescere in modo pi√Ļ rapido attraverso la diffusione di informazioni da parte di persone che conoscono, utilizzano e apprezzano il tuo prodotto o servizio. I suggerimenti di chi ci fidiamo sono, infatti, la “pubblicit√†” ritenuta pi√Ļ sicura e su cui tendiamo a far maggiore affidamento, come dimostrato dal “Global Trust In Advertising Report” di Nielsen.¬†

Un esempio dell’efficacia di questa tecnica √® il caso di successo del brand Daniel Wellington che, inizialmente, ha gestito la pubblicit√† solo attraverso blogger, celebrit√† ma anche persone comuni. Questo ha portato ad accelerare il processo di fidelizzazione dei clienti e ha contribuito alla crescita dell’awarness e della fama del brand.¬†

4.

Crea il bisogno

Per poter piazzare il nostro prodotto o servizio sul mercato √® necessario creare un¬†bisogno d‚Äôacquisto nel consumatore. Se esso non esiste gi√† naturalmente bisogna intervenire per crearlo e poter chiudere la vendita in maniera spontanea e lineare. Prova, quindi, a individuare dei diversi percorsi mentali che un consumatore pu√≤ seguire nel suo processo di acquisto. Pensa a diversi problemi che un utente pu√≤ riscontrare nel suo quotidiano (ovvero, a ci√≤ che al mercato “manca” in questo momento) e considerali come diversi punti di partenza di un percorso che prevede un’unica casella d’arrivo: il tuo prodotto.¬†

Nella maggior parte dei casi i bisogni che il venditore √® chiamato a creare sono quelli di natura mentale, generati da diversi fattori psicologici: nel marketing uno degli strumenti pi√Ļ utilizzati per questo scopo √®¬†il¬†principio di scarsit√†, una tecnica persuasiva che convince il cliente perch√©¬†trasmette un senso di urgenza¬†in vista di un esaurimento del prodotto o del servizio a cui sono interessati. Quando l‚Äôoggetto del desiderio ha una disponibilit√† limitata scatta qualcosa nella mente del tuo cliente, si rende conto di non avere molto tempo. In fin dei conti a nessuno piace scoprire che il prodotto desiderato sia esaurito, per questo far leva sul principio di scarsit√† pu√≤ condurti a un aumento delle vendite del tuo e-commerce!

5.

Usa strumenti per monitorare l'insight

Se non vuoi spendere tempo e denaro in strumenti che ti permettano di controllare l’andamento del tuo e-commerce in modo dettagliato, puoi optare per alcune opzioni che eseguono questa analisi in modo completamente gratuito. I Social Media oggi sono in grado di fornirti¬†Account Business¬†e altre funzionalit√† che monitorano il tuo livello di¬†engagement! Grazie all‚Äôanalisi dei dati √® possibile identificare quali specifici contenuti hanno un risultato migliore e quali ottengono feedback non in linea con l’obiettivo prefissato,¬†riuscendo cos√¨ ad ottimizzare le campagne di comunicazione; infatti, i marketer si trovano ad affrontare quotidianamente una¬†evoluzione continua e rapida del proprio target di riferimento. Questo significa che, insieme all‚Äôet√† dei consumatori, cambiano anche i loro gusti e le loro richieste; √® fondamentale, perci√≤, riuscire ad elaborare una strategia di marketing basata su degli insight reali ma soprattutto puntuali al fine di far crescere il tuo e-commerce.¬†

6.

Non pensare troppo in grande

Molti imprenditori considerano il proprio e-commerce come uno strumento che permetta loro di raggiungere tutto il mondo in uno schiocco di dita. Questo purtroppo non √® del tutto possibile. I processi decisionali coinvolti nella definizione dei mercati e delle aree da coprire devono tenere in considerazione alcuni fattori che possono impedire il proprio flusso. Basti pensare alla cosiddetta¬†distanza psichica¬†che esiste tra un paese e l’altro: una lingua diversa, un differente bagaglio culturale e una significativa distanza geografica (imprescindibile, soprattutto se abbiamo a che fare con dei prodotti che necessitano di essere fisicamente spediti) possono rivelarsi delle barriere significative, se non correttamente analizzate. Un altro elemento operativo che spesso limita la crescita di una azienda √®¬†la sbagliata selezione dei membri del team: preferire la quantit√† alla qualit√† delle persone che ti affiancheranno nella scalata al successo non si rivela mai una scelta adeguata.¬†√ą¬†a partire da persone competenti, creative e audaci che si ricevono input validi. Per costruire un team di successo quindi ci vuole tanta¬†buona volont√† e umilt√†¬†e persone che vogliono davvero fare la differenza e che raggiungendo il loro scopo e il loro obiettivo fanno crescere la squadra di cui fanno parte e nel contempo maturano come individui.¬†

7.

Bussa alle porte degli altri

Non aver paura di “disturbare” i tuoi vicini: se pensi di esserti imbattuto in un potenziale cliente, partner o investitore, non esitare a metterti in contatto con lui.¬†Un approccio proattivo al mercato √® sempre visto di buon occhio. Come avrai sentito pi√Ļ volte √® fondamentale “corteggiare” i clienti, ma non solo! Se desideri far crescere il tuo e-commerce, la stessa attenzione va rivolta anche a possibili partner o investitori: infatti, la fiducia che questi riporranno in te sar√† la chiave per guadagni profittevoli!

8.

Trova un equilibrio

√ą essenziale¬†trovare un compromesso tra un contatto assente e una presenza opprimente: infatti, mantenere un contatto diretto con i clienti permette di farli sentire maggiormente coinvolti e li stimola ad acquistare dal tuo e-commerce in modo che non si sentano dimenticati e diventino, cos√¨, facili prede per la concorrenza.¬†Le notifiche, ad esempio, sono un ottimo modo per ricordare ai consumatori della tua esistenza. Porre alcune limitazioni all’invio di queste √®, per√≤, buona norma se non vi vuole rischiare di infastidire il cliente spingendolo ad allontanarsi da te.

9.

App-etibile

Se vuoi dare al tuo e-commerce una svolta decisiva, hai decisamente bisogno di trasferirlo su un¬†dispositivo mobile.¬†Come? Con un’app!

Oggi utilizziamo le app per imparare nuove ricette, guardare video, fare shopping: facciamo praticamente tutto grazie a uno smartphone ed √® esattamente ci√≤ su cui devi puntare per arrivare in maniera pi√Ļ diretta ai tuoi clienti e aumentare cos√¨ il tuo livello di engagement e di reputation.

Certo, spostare il tuo e-commerce da una piattaforma web a una piattaforma mobile sembra una sfida, quando non puoi contare sull’aiuto di nessuno. Ma ecco un consiglio: puoi fare affidamento su¬†Shoppy.

Se possiedi uno store Shopify e ti senti pronto a innalzare il livello del tuo business, entra in gioco Shoppy, concepito per guidarti nell’intero processo. Dal¬†trasferire le tue collezioni all’interno dell’app¬†all’inviare notifiche ai tuoi consumatori¬†e¬†offrire loro la possibilit√† di usufruire di un servizio multi-lingua e multi-valuta, Shoppy sar√† il tuo¬†partner in crime¬†e lavorer√† al tuo fianco in questo modo del tutto nuovo di fare business.

Per farla breve, se sei arrivato a questo punto, hai gi√† impiegato una porzione significativa del tuo tempo all’apprendimento ed √® arrivato il momento di passare all’applicazione pratica dei consigli che ho appena condiviso con te!

SHARE

come-aumentare-la-retention

Aumenta la Customer Retention del tuo store shopify!

Aumenta la Customer Retention del tuo store shopify!

Esiste uno strumento che può garantire al mio brand un successo a lungo termine? E come potrei implementarlo nelle mie strategie di marketing in maniera semplice e veloce? Se ti sei posto questo quesito almeno una volta stai leggendo l’articolo giusto. La soluzione perfetta è sviluppare una strategia di customer rentention!

Cos'è la Customer Retention?

La customer retention √® un insieme di azioni di business che un‚Äôazienda attua per fidelizzare i clienti evitando che questi abbandonino il brand allettati dalle offerte di concorrenti; nello specifico, il C.R.R.¬†(Customer retention rate, in italiano ‚Äútasso di fidelizzazione dei clienti‚ÄĚ)¬†√® un indicatore usato per l‚Äôanalisi di fedelt√† della clientela¬†ed esprime la percentuale di essa che continua ad acquistare dallo stesso brand in un determinato intervallo di tempo. Ok, ti ho dato la definizione, ma effettivamente quali vantaggi ti pu√≤ portare? Tra le molteplici agevolazioni, una che spicca per importanza √® sicuramente il fatto che rappresenti¬†un‚Äôattivit√† di marketing che ti permetter√† di migliorare la tua esperienza con il cliente, aumentare la redditivit√† della tua azienda e portarti ad un vero successo a lungo termine. Come? Beh, questa strategia¬†si focalizza soprattutto sul mantenimento dei clienti ricorrenti, scelta che risulta essere vantaggiosa per i seguenti motivi:

  1. Le spese di mantenimento di questi sono inferiori a quelle di acquisizione dei nuovi; infatti, i crescenti costi dell‚Äôadvertising hanno impattato molto sulla possibilit√† di acquisizione di nuovi clienti facendo risultare, cos√¨, pi√Ļ vantaggioso lavorare su quelli gi√† esistenti. A sostegno di quanto detto, una ricerca portata avanti da Frederick Reichheld, della Brain & Company, mostra che un aumento del CRR del 5% porta ad una crescita dei profitti che va dal 25% al 95%!¬†Questo concetto √® ben spiegato nel grafico, in cui si nota come varia il guadagno dell‚Äôimpresa durante la fase d‚Äôacquisizione del cliente (acqusition phase), di fidelizzazione (retention phase) e in una possibile fase di perdita dello stesso.¬† Se vuoi saperne di pi√Ļ:¬†The Value of Keeping the Right Customers (hbr.org).

     

  2. Investire nei clienti acquisiti e sapere come mantenerli significa diminuire la possibilità di perderli, evitando il rischio di una spiacevole e potenzialmente dannosa pubblicità negativa e permettendo alla tua impresa di crescere. Ti faccio un esempio: se in un mese ottengo 10 nuovi clienti ma ne perdo altrettanti la crescita dell’azienda sarà nulla. Dovrò, quindi, sicuramente cercare di attrarre nuovi clienti, ma non trascurare quelli che già ho; anzi, è proprio a questi che dovrò riservare particolari attenzioni e offerte.
  3. Influenza il customer lifetime value (CLV), ovvero il valore che il cliente ha per l’azienda durante il periodo in cui acquista, andando quindi ad incidere sui ricavi e i margini generati dalla tua attività.
Per perseguire questo obiettivo oggi le imprese si avvalgono di strumenti di promozione e marketing prevalentemente attraverso canali digitali come App mobile, che permettono di interagire costantemente con i clienti e strutturare proposte personalizzate. Nello specifico, Shopify è un servizio che si propone di aiutare la tua azienda sotto tutti questi punti di vista con una spesa, in termini di denaro e tempo, molto ridotta.

Come si misura il customer retention rate?

Passiamo alla parte pi√Ļ complessa della questione. Per misurarlo usiamo il¬†customer retention rate, la formula √® la seguente:

Se sei un po‚Äô disorientato non preoccuparti, i calcoli fanno questo effetto su molti, provo a spiegarla in maniera pi√Ļ semplice. Per calcolare il¬†customer retention rate¬†√® quindi necessario:

  • Definire un periodo di tempo da prendere a riferimento (6 mesi, 1 anno e cos√¨ via)
  • Calcolare il numero di clienti alla fine di quel periodo (ovviamente eventuali utenti persi vanno sottratti)
  • Sottrarre i clienti nuovi acquisiti durante lo stesso periodo di riferimento
  • Dividere per il numero dei clienti contati a inizio del dato periodo
  • Moltiplicare x 100 per avere il dato percentuale

Pi√Ļ √® alto il dato percentuale del customer retention rate, pi√Ļ un business √® in salute¬†(almeno sul versante fidelizzazione). Per essere efficace, tale dato va monitorato in continuazione durante il ciclo vitale di un business (magari su base annuale o trimestrale).¬†

Questo grafico mostra che effettivamente la maggior parte dei clienti lascia l’azienda principalmente per motivi legati ad una percezione di disinteresse da parte del brand nei loro confronti. -GRAFICA-

Perch√® √® importante creare relazioni pi√Ļ forti e durature con i tuoi clienti per aumentare la retention?

L’approccio relazionale che l’azienda ha con i suoi clienti dice molto rispetto il suo futuro: è importante ricordare sempre che ogni cliente ha un valore economico che è dato dalle spese che compie per tutto l’intervallo di tempo in cui si relaziona con il brand. Questo valore è espresso dal CLV (customer lifetime value). Soprattutto nella realtà degli e-commerce è necessario che si implementi al massimo il potenziale del CLV; infatti non è importante solo la fase in cui il cliente acquista il nostro servizio/prodotto, ma anche la fase successiva in cui deve essere seguito, supportato, corteggiato attraverso proposte specifiche e allettanti in modo da fidelizzarlo. Esistono due principali teorie psicologiche in grado di influenzare il processo di attribuzione della fiducia: 

  • Teoria della motivazione e dell’aspettativa: un individuo si comporta e agisce in un modo specifico, se motivato da un risultato desiderabile. Se vuoi che i tuoi clienti facciano uno sforzo, per esempio registrarsi al tuo sito, devi mostrare loro che verranno ricompensati, come nel caso dei programmi fedelt√† (carte, punti, bonus in base all‚Äôanzianit√† di iscrizione).
  • Gratificazione immediata: se le persone vogliono qualcosa, devi dare loro quello che vogliono e daglielo immediatamente. Questo vuol dire servizi, sito web, spedizioni veloci e impeccabili.

Un caso di brand che sicuramente ti sar√† famigliare e che ha fidelizzato i propri clienti in maniera efficace √® Apple: grazie ad alcune strategie ben studiate √® riuscita nell’intento di affermarsi nell’immaginario comune come marchio alla moda, andando anche a delineare una differente percezione sociale tra chi compra Apple e chi no. Ha reso di tendenza lo stile minimalista dei suoi prodotti e dei suoi negozi e offre un servizio di assistenza rapido e sicuro. Cos√¨ facendo si √® garantita la fedelt√† dei propri clienti che difficilmente, nel momento in cui dovranno cambiare il proprio smartphone, pc o tablet si arrischieranno a provare altri brand . Questa √® la chiave del successo che qualsiasi azienda dovrebbe seguire: comunicare fiducia, rappresentare una garanzia costante e riservare anche delle piccole ‚Äúsorprese‚ÄĚ al cliente (offerte specifiche, sconti) per non lasciare che venga ammaliato da proposte della concorrenza e che sia sempre soddisfatto dal servizio che offri.

Quali strategie posso implementare per migliorare il CRR?

Come abbiamo già visto la chiave del successo sta nei clienti, è importante costruire un’esperienza su misura per loro. Esistono moltissime soluzioni per farlo, in questo articolo vedremo quattro principali strategie per fare aumentare la customer retention del tuo e-commerce!

  1. Sviluppa la tua App: Gli utenti desiderano uno strumento veloce, intuitivo e sempre a portata di mano per poter acquistare ovunque si trovino! L’ App rappresenta una soluzione ottimale sotto molteplici punti di vista, come la possibilit√† di mantenere una comunicazione costante brand-cliente grazie a notifiche push, velocizzare il processo di acquisto con ricerca e filtri, ma soprattutto fare crescere i tassi di conversione.
  2. Progetta un email marketing personale: Le email sono ancora il fulcro delle attivit√† per fidelizzare i clienti, in quanto accompagnano le persone prima e dopo l’acquisto permettendo la costruzione di una relazione con la tua attivit√†. La personalizzazione di esse con offerte basate sull’analisi dei prodotti che hanno acquistato in passato, sconti per i compleanni, consigli su come utilizzare il prodotto daranno un valore aggiunto alla fiducia che hanno riposto nel tuo brand! Inoltre, sono semplici da implementare nelle strategie di marketing aziendale e poco costose.
  3. Crea un programma fedelt√†: Gratificare i clienti per i loro acquisti e le interazioni con “punti” che possono essere utilizzati per sconti, omaggi (come gadget) o spedizioni gratuite, far√† aumentare la loro fedelt√† e li spinger√† a continuare a comprare sempre dallo stesso brand.¬†
  4. Offri la migliore customer experience: Sapevi che l’86% dei clienti sarebbe disposto a pagare il 25% in pi√Ļ per un migliore servizio clienti? Da questo dato traspare l’importanza di migliorare la customer experience per fare in modo che il consumatore torni ad acquistare soddisfatto, non solo del prodotto, ma anche dell’esperienza. Pu√≤ essere migliorata offendo spedizioni rapide e precise e assistenza clienti immediata e facile da contattare (magari attraverso help desk o chat di Facebook e Instagram).

... E ora? ūü§Ē

Ora che ho descritto tutte queste strategie non posso lasciarti senza suggerirti la soluzione: Shopify offre la possibilità di implementare la Customer Retention attraverso alcuni di questi servizi come, per esempio, sviluppare la tua app in maniera semplice e rapida.

I migliori brand si stanno gi√† attivando per fare aumentare la loro Customer Retention attraverso i servizi Shopify. Cosa aspetti? Inizia a creare la tua app!

SHARE

aumenta-la-retention

Come aumentare la retention

Come aumentare la retention

Acquisire clienti da zero √® costoso. √ą quindi importante non farsi abbandonare dai consumatori che abbiamo ed incrementare i loro acquisti. Come? Tramite azioni di business per¬†fidelizzarli. Quest’attivit√† di marketing √® chiamata¬†Customer Retention¬†e ti permetter√† di migliorare la tua esperienza con il cliente, aumentare la redditivit√† della tua azienda e portarti ad un vero successo a lungo termine.

Se vuoi approfondire la strategia di customer retention del tuo store Shopify ti lascio qui un articolo che fa proprio al caso tuo:

INSERIRE LINK ARTICOLO PRECEDENTE: AUMENTA LA CUSTOMER RETENTION DEL TUO STORE SHOPIFY!

Per avere un buon livello di Customer Retention la tua impresa deve essere in grado di invogliare i consumatori ad acquistare prodotti per evitare che essi siano ammaliati dai competitor. Cosa aspetti? Se questo è il tuo obiettivo, beh, in questo articolo troverai ben 7 strategie utili per aumentare la Customer Retention del tuo E-commerce.

1. Email, sms, notifiche Push: tre diversi metodi di comunicazione

Email, sms e notifiche Push¬†sono tre diversi metodi di comunicazione che rientrano nella strategia di marketing del tuo e-commerce e che ti permetteranno di¬†implementare la tua customer retention. Possono essere utilizzati ad esempio per le¬†campagne win back, per tutti quei clienti che non fanno acquisti dal tuo shop da un po’ di tempo. Vediamoli nel dettaglio e in cosa possono esserci utili concretamente:¬†

  • Le¬†email¬†consentono di¬†esplicitare meglio i contenuti, le iniziative, le promozioni commerciali e gli eventi, dando una spiegazione pi√Ļ esaustiva e completa. L‚Äôobiettivo √® quello di¬†stimolare l‚Äôinteresse da parte del lettore¬†a quanto proposto. Esistono software e piattaforme come ad esempio¬†Hubspot¬†o¬†Klaviyo¬†che ti permettono di inviare automaticamente queste mail e mostrano (in particolare Klaviyo) quanto fatturato deriva da ogni campagna e-mail.¬†
  • I¬†messaggi SMS¬†rappresentano lo strumento pi√Ļ semplice e immediato per comunicare qualcosa ad un consumatore, purch√® il testo sia diretto ed esplicativo. Con un sms √® possibile¬†fidelizzare il cliente¬†oppure contattarne di nuovi. Esistono portali e software specifici che permettono l’invio automatico dei messaggi da un computer.¬†
  • Le¬†notifiche push¬†sono messaggi digitali che vengono mandati automaticamente all‚Äôutente in base alle azioni che compie. Hanno diverse caratteristiche tra cui, un¬†testo conciso e poco formale, compaiono sullo schermo come¬†notifiche che √® possibile leggere¬†senza dover necessariamente aprirle e¬†raggiungono unicamente chi ha scaricato l’App.¬†

Tramite mirate campagne perseguite con email, sms e notifiche push il tasso di customer retention può aumentare notevolmente portando ad un incremento delle vendite. 

2. Email marketing personalizzata

Le email accompagnano l’utente in tutto il processo di costruzione della relazione con il tuo brand: da prima a dopo l’acquisto. Ti chiederai il perch√®, ma in realt√† il motivo √® molto semplice: non bisogna mai smettere di corteggiare il cliente, comunicare sicurezza con messaggi personalizzati e a volte provocare per far s√¨ di non essere ammaliati dalla concorrenza.¬†

L’email marketing personalizzata¬†√® sicuramente una strategia che fa al caso tuo! Si tratta di email personalizzate che propongono¬†nuovi prodotti o offerte¬†basate sugli interessi guardando che cosa hanno acquistato i clienti o il loro carrello abbandonato. Potrai anche festeggiare i loro traguardi, come ad esempio compleanni o anniversari con te, offrendo offerte esclusive o premi se hanno attivato un programma fedelt√†. Con quale frequenza puoi inviare queste mail? Lo scegli tu!¬†

Tra gli strumenti che possono aiutarti sicuramente non pu√≤ mancare¬†Shopify Email. Si tratta dell’email marketing che ti fornisce i mezzi giusti per costruire relazioni durature con i tuoi clienti e, di conseguenza, portare maggiore profitto al tuo brand.¬†¬†

3. Programmi fedeltà

Questa strategia risulta essere molto efficace per aumentare la frequenza degli acquisti e, al tempo stesso, premiare i clienti che li fanno già, dando vita ad un vero e proprio scambio win-win in cui entrambe le parti ottengono un beneficio.

Il vero obiettivo di un programma fedelt√† √® la¬†fidelizzazione. Un cliente fidelizzato vale molto di pi√Ļ di un nuovo cliente e costa meno. Perch√®? Un programma fedelt√†:

  • Accresce la soddisfazione dei clienti gi√† fidelizzati¬†in quanto riceveranno premi, omaggi e vantaggi che hai pensato per loro.
  • Spinge i tuoi nuovi clienti a riacquistare¬†sul tuo e-commerce;

Potrai mantenere¬†alto il livello di coinvolgimento dei tuoi clienti¬†attribuendo dei¬†punti¬†agli acquisti e, ogni tot punti raccolti, presentare vantaggi concreti come¬†sconti e offerte. I benefici? Le persone sono pi√Ļ motivate ad acquistare dal tuo negozio rispetto a quello di competitor con l’obiettivo di avere una¬†ricompensa ben precisa.

Tra gli strumenti che non possono mancare per aiutarti a costruire il tuo programma fedelt√† perfetto c’√®¬†Growave.¬†Si tratta della piattaforma di marketing all-in-one che aiuta le aziende che operano su Shopify a raggiungere il pubblico, coinvolgendolo ed aumentando facilmente le conversioni. Non farti trovare impreparato! Rafforza le relazioni tra cliente ed azienda, aumentando gli acquisti frequenti da parte dei clienti ed il coinvolgimento degli stessi grazie a raccolte punti convertibili e livelli VIP sul tuo store Shopify.¬†

4. Programma di abbonamento

Far sottoscrivere un abbonamento¬†mensile o annuale, oltre ad assicurarti entrate certe,¬†stimoler√† i clienti ad acquistare da te per non sprecare l’investimento nella sottoscrizione dell’abbonamento. Facciamo un passo indietro per capire cosa porta i tuoi clienti a sottoscrivere un abbonamento e per cercare di capirlo al meglio ti faccio un esempio molto pratico e concreto.¬†

Amazon Prime, al costo di ‚ā¨ 36 annui o ‚ā¨ 3,99 al mese,¬†permette ai suoi abbonati di avere consegne illimitate in 1 giorno su 2 milioni di prodotti¬†e in 2-3 giorni su milioni di altri prodotti, d√† accesso allo streaming illimitato di film e serie TV su Prime Video, cos√¨ come a Prime Music, d√† accesso anticipato alle offerte lampo e molto altro.¬†

La strategia vincente? Avere dei plus esclusivi per cui valga la pena pagare la quota mensile o annuale. 

5. Customer Service

Un servizio clienti attento, preciso e rapido è un ottimo luogo per risolvere imprevisti, guidare i consumatori ad un acquisto chiaro e comunicare in modo efficace con i clienti effettivi e potenziali offrendo loro un supporto adeguato. Come fare? Ecco alcuni tool: 

  • L’applicazione gratuita di¬†Whatsapp Business; ti consente di dare visibilit√† ai tuoi prodotti e servizi, interagire in modo diretto con i clienti e rispondere alle loro domande durante l’intera esperienza d’acquisto;¬†
  • Un servizio¬†Live Chat; ti aiuta ad assistere i clienti in tutto il ciclo d’acquisto: dal pre al post vendita, fino alla gestione dei reclami. Inoltre potrai facilmente chiedere feedback sul tuo servizio e parlare con i tuoi clienti.¬†

Un altro aspetto essenziale da considerare per migliorare la customer retention del tuo e-commerce √® offrire un¬†servizio di consegna preciso, affidabile e puntuale. Si sa che vedersi recapitare pacchi danneggiati e in ritardo rispetto a quanto comunicato pu√≤ creare problemi di reputazione e perdita di clienti. La chiave risiede proprio qui:¬†affidati a servizi di spedizione affidabili¬†che possano soddisfare i consumatori.¬†L’esito¬†di una consegna ha la capacit√† di generare buoni o pessimi feedback¬†e recensioni che andranno ad incidere sulla fama del tuo business.¬†

6. Programma di responsabilità sociale delle imprese

La¬†responsabilit√† sociale delle imprese, in inglese Corporate Social Responsibility, si traduce in una politica aziendale che sappia armonizzare gli obiettivi economici, quelli sociali e ambientali in un’ottica di sostenibilit√† del territorio ambientale e umano per le generazioni attuali e future. In concreto, questo concetto, riguarda non solo la qualit√†, l’affidabilit√† e la sicurezza del prodotto, ma anche la¬†salvaguardia dell’ambiente e della salute, il risparmio energetico e la corretta informazione pubblicitaria.¬†

La¬†Corporate Social Responsibility¬†√® una strada sempre pi√Ļ utilizzata da piccoli e grandi brand per accrescere la propria customer retention e, di conseguenza, aumentare le vendite. Proprio perch√® oggi le persone sono sempre pi√Ļ attente a ci√≤ che fanno le aziende, vogliono associarsi a negozi e¬†imprese con cui condividono valori, obiettivi morali, etici o sociali.¬†

Lo sapevi che:

  • Il¬†93% dei consumatori¬†√® pi√Ļ fedele a societ√† che si impegnano in attivit√† di responsabilit√† sociale d‚Äôimpresa;

  • Il¬†90% dei consumatori¬†smetterebbe di comprare prodotti di aziende che hanno condotte ingannevoli e irresponsabili;

  • Il¬†66% dei consumatori¬†a livello mondiale √® disposto a pagare di pi√Ļ per prodotti e servizi da aziende impegnate nel sociale e nella sostenibilit√† ambientale.¬†

Come diventare un e-commerce socialmente pi√Ļ impegnato? Puoi partire dal packaging di imballaggio delle tue merci rendendolo pi√Ļ sostenibile, ad esempio, utilizzando materiali riciclati o riciclabili e ridurre cos√¨ al minimo l’impatto ambientale e i materiali d’imballaggio.¬†

7. Sviluppa la tua App

Se ti stai chiedendo come¬†aumentare la retention con un’app, beh, qui di seguito troverai alcuni passaggi che potrai implementare nella tua strategia di marketing, raggiungendo cos√¨ il tuo obiettivo:¬†

  • Crea un¬†canale marketing diretto¬†con l’aumento del Customer engagement attraverso le¬†notifiche push, messaggi digitali automatici che vengono mandati all‚Äôutente anche direttamente dal merchant;¬†
  • Offri una¬†migliore esperienza mobile; l’App √® uno strumento pi√Ļ rapido a cui accedere, che pu√≤ essere personalizzato in base alle necessit√† dei consumatori;¬†
  • Proponi¬†contenuti e promozioni esclusive solo sull’app;
  • Premia i tuoi clienti per aver interagito con l’app dell’e-commerce con¬†programmi fedelt√† o VIP¬†ad esempio attraverso¬†punti¬†che gli faranno ottenere¬†sconti esclusivi.¬†

Per approfondirle ancora di pi√Ļ ti lascio qui un articolo che sicuramente troverai interessante.

Sapevi che:

  • Il¬†tasso di conversione¬†delle mobile¬†App¬†√®¬†3 volte quello del sito web;
  • Il¬†carrello medio¬†sulle¬†App¬†√® del¬†140% pi√Ļ alto che del web;
  • Le app mobile hanno l‚Äô80% di repeat customer rate;
  • I¬†tassi di abbandono del carrello¬†sono¬†20% dall’App, 68% da desktop , 97% da siti mobili.¬†

... E ora? ūü§Ē

Ora che ti ho elencato questi step e hai visto tu stesso quanto concretamente l’app mobile possa migliorare¬†la retention del tuo e-commerce, non posso non fornirti una soluzione semplice e immediata.¬†Shoppy¬†ti mette a disposizione una serie di strumenti per¬†aumentare la customer retention,¬†coinvolgere¬†i tuoi users,¬†far crescere la community¬†e¬†aumentare le tue vendite¬†in modo semplice e costante.¬†

I migliori brand Shopify stanno sviluppando la loro App mobile e questo li aiuterà ad aumentare il loro customer retention rate. Cosa aspetti? Seguili anche tu! Shoppy.

La crescita e il successo del tuo e-commerce non sono solo legati ai clienti che devi ancora raggiungere ma ,in molti casi, i clienti gi√† acquisiti possono essere pi√Ļ importanti ed utili di quelli nuovi.¬†Migliora le vendite partendo da un buon livello di customer retention. Provare per credere!¬†

SHARE

Come-iOS14-5-puo-incidere-sulle-tue-campagne-marketing

Come iOS14.5 può incidere sulle tue campagne marketing

Come iOS14.5 può incidere sulle tue campagne marketing

Il fatidico momento √® arrivato. Dopo mesi di attesa e di¬†rumor¬†su tutti i possibili cambiamenti introdotti dal nuovo sistema operativo Apple,¬†iOS14.5¬†√® entrato in azione a tutti gli effetti. E se da un lato troviamo numerosi benefici per i consumatori che potranno usufruire di nuove features, dall’altro possiamo evidenziare una serie di svantaggi per i marketers che tracciano i propri utenti al fine di definire strategie efficaci.

Il problema principale del retargeting e delle strategie di vendita basate su strumenti terzi, come gli ADS e le campagne ADV, è proprio la mancanza di controllo diretto da parte del venditore. Quindi, se fino ad oggi ti sei affidato ai pixel come strumento di ottimizzazione della tua comunicazione, sappi che un gran numero di clienti sta per uscire dalla tua sfera di monitoraggio, facendoti perdere dati essenziali ed entrate significative.

La soluzione √® solo una:¬†avere un’app mobile nativa¬†di propriet√†, su cui poter sempre contare.

Vediamo insieme, pi√Ļ nello specifico, quali sono gli impatti negativi che il nuovo iOS14.5 potrebbe avere sul tuo business e come contrastarli.

Il consenso prima di tutto: ecco come cambia il tracciamento

Gi√† da qualche mese, caricare la tua app sull’Apple store prevede una richiesta aggiuntiva da parte del sistema: fornire le informazioni riguardo ai dati che la tua app raccoglie e renderle disponibili sulla tua pagina prodotto. 

Ma non √® tutto, per continuare a raccogliere e utilizzare i dati provenienti da dispositivi iOS 14.5 per le tue finalit√† di marketing, sar√† necessario che i proprietari esprimano il loro consenso. Questo potr√† essere fatto attraverso un prompt (ovvero una richiesta) che apparir√† sul loro schermo sotto forma di pop up, in accordo con l’App Tracking Transparency (o ATT) Framework della compagnia.

Cosa significa tutto questo? Che se la tua audience si compone in maniera significativa di proprietari di uno smartphone marchiato Apple, il rischio di perderne le tracce diventa significativo. Sommando la percentuale di utenti che rifiuterebbe il tracciamento cliccando sbadatamente a quella che potrebbe farlo volontariamente per irrobustire la propria privacy, le campagne su Google, Facebook, Instagram, perderanno rilevanza. Avrai a disposizione dei tassi di conversione parziali, meno dati da ottimizzare e sar√† impossibile targetizzare chiunque si escluda autonomamente dal tracciamento.

Un cambiamento esogeno, come quello messo in campo da Apple, rischia di mettere a repentaglio la tua attivit√† facendoti perdere traccia dei tuoi utenti e costringendoti a riorganizzare le tue strategie. 

Gli utenti non si fidano: ecco perché cambia il tracciamento

L’IDFA (Identifier For Advertisers) √® un identificatore univoco utilizzato per tracciare il comportamento di un utente attraverso tutte le app di una compagnia. Banalmente fa si che sia possibile quel meccanismo che ti avvisa quando i tuoi utenti cliccano sul tuo annuncio, o sul link per visitare il tuo sito, permettendo alla tua app di raccogliere dati in maniera sicura per i tuoi utenti. Tecnicamente le modifiche apportate da Apple non dovrebbero incidere sugli IDFA, considerando che il tracciamento e l’utilizzo di questi dati rimane consentito su accettazione da parte dell’utente.

Le crescenti preoccupazioni in merito alla privacy, per√≤, potrebbero spingere un numero decisamente consistente di utenti a rifiutare il trattamento dei propri dati, quindi ad incidere sull’efficacia dell’IDFA. Secondo un test di AppFlyer, infatti, circa il 75% degli utenti si √® mostrato propenso a negare il proprio consenso ad essere tracciato dalle app quando gli √® stato sottoposto questo meccanismo di opt-in durante il 2020. In altre parole, il 75% degli utenti si sottrarrebbe volontariamente al monitoraggio dei propri comportamenti, sparendo da un giorno all’altro dal tuo raggio d’azione. Probabilmente non smetteranno di essere tuoi clienti, ma smetteranno di esserlo per il sistema, che non riuscir√† pi√Ļ ad accedere a una gran quantit√† di dati essenziali e si trover√† a svolgere delle analisi su una popolazione estremamente diversa dalla realt√†. 

Possiamo concludere che l’IDFA non √® stato ucciso, ma non √® pi√Ļ in grado di fornirti dei dati qualitativamente efficaci, essenziali per continuare ad assicurarti le tue entrate.

Come corrono ai ripari i grandi Social?

Aggregated Event Measurement¬†√® il protocollo messo a disposizione da Facebook per continuare a tracciare gli eventi, ovvero le conversioni configurate sui tuoi pixel attraverso cui ottimizzare e personalizzare le tue campagne. Non si tratta per√≤ di un’ancora di salvezza efficace al 100%. Il limite di eventi selezionabile, infatti, si estende a un massimo di 8. E queste conversioni possono risultare da uno o pi√Ļ pixel, indipendentemente. Quindi, supponendo che tu fossi in possesso di 3 differenti pixel, l’evento “aggiunto al carrello” per il pixel 1, per il pixel 2 e per il pixel 3 ti lascerebbe soltanto altri 5 eventi disponibili, pur facendo capo alla stessa tipologia di azione. Maggiori sono i tuoi funnel di acquisizione, maggiore sar√† la difficolt√† nell’ottimizzare la tua comunicazione attraverso questo canale.

La soluzione

Come avevamo descritto¬†in precedenza,¬†dipendere troppo da sistemi di terze parti espone il tuo brand a rischi che non puoi controllare. Per questo, ora pi√Ļ che mai, √® opportuno correre ai ripari e pensare di investire una parte del tuo budget per asset proprietari, come una¬†mobile app. Potresti per√≤ pensare che ti serviranno fior fior di sviluppatori ed esperti per evolvere il tuo ecommerce, fortunatamente per te¬†Shoppy¬†ti semplifica questo passaggio permettendo di creare la tua app fatta su misura.

Appoggiandoti a Shoppy e¬†creando un’app per il tuo digital store Shopify,¬†le comunicazioni personalizzate restano possibili e non rischiano di essere compromesse dall’ultimo aggiornamento di iOS. Non avvalendosi di identificativi esterni, un applicazione mobile ti permette di avere sempre sotto controllo il comportamento dei tuoi utenti, attraverso i dati inseriti dagli utenti stessi e le azioni che essi svolgono nel tuo asset digitale. Per tracciare la tua audience, un’app utilizza dei metodi proprietari che si avvalgono esclusivamente dei dati raccolti al suo interno, al fine unico di offrire ai tuoi utenti una migliore esperienza di navigazione e acquisto.

Per questo,¬†costruendo la tua app con Shoppy, potrai continuare a progettare¬†notifiche push personalizzate¬†in base alle azioni dei tuoi utenti (aggiunta al carrello, acquisto, mancata apertura dell’app) e¬†messaggi in-app¬†che propongano loro contenuti interessanti. Il tutto, senza mai dimenticare di quanto la loro privacy sia importante e¬†senza mai dipendere da decisioni che non siano tue.¬†

SHARE